venerdì, 07 Ottobre 2022

Un pacchetto da miliardi di sterline contro il caro energia in Gran Bretagna. Ma come sarà finanziato?

Da non perdere

  • Il nuovo primo ministro britannico Liz Truss annuncerà un pacchetto del valore di decine di miliardi di sterline per aiutare le persone a pagare le bollette energetiche.
  • Il primo ministro ha promesso di “tagliare le tasse“, escludendo la possibilità di una windfall tax sui giganti del petrolio e del gas e suggerendo che i prestiti governativi copriranno i costi.
  • A lungo termine il conto “alla fine ricadrà sui contribuenti“, secondo Christopher Dembik, responsabile di macroanalisi presso Saxo Bank.

Il nuovo primo ministro britannico Liz Truss annuncerà il prossimo giovedì un pacchetto del valore di decine di miliardi di sterline per aiutare le persone a pagare le bollette energetiche. Ci sono molte domande su come sarà finanziato. L’annuncio dovrebbe congelare il prezzo dell’energia al suo livello attuale o a £ 2.500 ($ 2.870). Al momento, il cap che entrerà in vigore il mese prossimo aumenterà la bolletta energetica media da £ 1.971 a £ 3.549 all’anno.

Truss ha detto che avrebbe “affrontato la crisi energetica causata dalla guerra di Putin” nel suo discorso inaugurale come Primo Ministro, nella sera di martedì 6. “Agirò questa settimana per affrontare le bollette energetiche e per garantire il nostro futuro approvvigionamento energetico“.

L’annuncio arriverà mentre più di 170.000 persone nel Regno Unito minacciano di fermare i pagamenti delle bollette energetiche il primo ottobre in segno di protesta contro l’aumento del tetto dei prezzi dell’energia. secondo il gruppo End Fuel Poverty Coalition, in Gran Bretagna, il numero di famiglie in povertà energetica, cioè che non possono di riscaldare adeguatamente la propria casa, salirà a 12 milioni di questo inverno se il sostegno finanziario non viene messo in atto.

Un pacchetto da 180 miliardi di sterline?

I dettagli del pacchetto devono ancora essere rivelati. Le proiezioni iniziali suggerivano circa 100 miliardi di sterline di supporto, ma secondo le ultime stime di Deutsche Bank si potrebbe essere più vicini a 200 miliardi di sterline. La Deutsche Bank ha alzato le aspettative: i rapporti ipotizzavano che un congelamento della bolletta energetica si sarebbe aggirato intorno alle £ 2.500, “un importo sostanzialmente inferiore” rispetto a quanto previsto dalla banca, è stato dichiarato in una nota di ricerca mercoledì.

I rapporti immaginavano anche che un pacchetto da 40 miliardi di sterline sarà messo in atto per aiutare le imprese a sostenere i propri costi energetici, portando il totale delle misure di supporto previste a 180 miliardi di sterline.

Inizialmente si prevedeva che il sostegno sarebbe stato disponibile solo per le famiglie. La cifra è quasi la metà della spesa utilizzata per fornire sostegno finanziario durante la pandemia di Covid-19 e poco più dell’8% del prodotto interno lordo, secondo Deutsche Bank. Si stima che il congelamento sarà in vigore da ottobre.

Il disegno di legge alla fine ricadrà sui contribuenti

Il pacchetto che sarà annunciato da Truss potrebbe non essere troppo dissimile da un piano proposto dal partito laburista all’opposizione il 14 agosto.

La differenza principale è che i laburisti avevano suggerito di finanziarlo attraverso una windfall tax sulle compagnie petrolifere e del gas – qualcosa che il nuovo primo ministro ha escluso. “Sono contraria a una windfall tax“, ha detto Truss alla Camera dei Comuni durante la sua prima sessione di questioning con i colleghi legislatori mercoledì.

Credo sia sbagliato scoraggiare le aziende dall’investire nel Regno Unito proprio quando abbiamo bisogno di far crescere l’economia“, ha dichiarato. Far crescere l’economia del Regno Unito attraverso tagli fiscali e riforme” è stato uno dei tre punti chiave stabiliti dal nuovo primo ministro nel suo primo discorso martedì sera.

Gli altri punti riguardano la crisi energetica e il miglioramento del servizio sanitario nazionale britannico. Il nuovo pacchetto energetico sarà probabilmente finanziato attraverso ulteriori prestiti governativi. Ma le conseguenze del sostegno finanziario potrebbero essere avvertite per i decenni a venire, secondo Christopher Dembik, responsabile dell’analisi macro presso Saxo Bank.

“Si potrà seguire solo una strada: aprire la porta a un massiccio pacchetto di stimoli e, una volta risolta la crisi, aumentare la tassazione“, ha detto Dembik.

Articolo a cura di Hannah-Ward Glenton, CNBC
Traduzione a cura di Francesca Santoro

- Advertisement -spot_img

Talk For

F&NEWS