domenica, 29 Gennaio 2023

RAPPORTO BES 2016, IL LAVORO MIGLIORA

Da non perdere

La crisi economica che nell’ultimo decennio ha colpito il mondo occidentale ha naturalmente colpito anche il mondo del lavoro. La ripresa è stata spesso difficile, è parsa anche impossibile talvolta, ma gli indicatori mostrano che la situazione sta migliorando e che nei prossimi anni il mondo del lavoro potrebbe avere un futuro più roseo di quello che spesso ci viene rappresentato.

 

Dal rapporto BES 2016 su “Lavoro e conciliazione dei tempi di vita” appare chiaro che ci siano elementi positivi sia dal punto di vista della crescita sia della stabilità occupazionale. Il lavoro è diventato infatti più stabile, regolare, con retribuzioni che ben si armonizzano con le competenze acquisite nel sistema formativo. I precari di lungo periodo, ovvero i lavoratori che hanno contratti a termine da almeno cinque anni, sono diminuiti, anche se non in modo significativo. I dati infatti presentano 0,2 punti in meno del 2014, attestandosi al 19,5%. Miglioramenti più significativi li ritroviamo nella percezione di stabilità nel rapporto di lavoro. La quota di lavoratori infatti che temono di perdere il proprio impiego e di  poterne nuovamente trovare uno adeguato è scesa all’8,6%, con quote che nell’anno precedente si attestavano sul 10,2%. Per la fascia d’età tra i 15 e i 34 anni e per i residenti nelle regioni meridionali il calo è ancora più cospicuo. La riduzione della percezione di insicurezza inoltre ha riguardato tutti i settori di attività con picchi del 13,7% nel settore dell’agricoltura, alberghiero e della ristorazione.

Indicatore da non sottovalutare, per il benessere sociale, è la crescita anche della percezione di soddisfazione dei lavoratori che segnala punteggi in crescita già da due anni. Alla stabilità lavorativa, l’orario di lavoro e la remunerazione infatti, è stata assegnata una media di punteggi del 7,3, in una scala che va da 0 a 10. Dal rapporto appare che i più soddisfatti del loro impiego sono i lavoratori che hanno scelto volontariamente un impiego a tempo parziale, il 60% dei quali ha assegnato valori medi di soddisfazione in un punteggio che va tra 8 e 10.
Per quanto la disparità Sud-Nord sia una realtà con cui l’Italia ha imparato a convivere, un dato che sembra fornirci buone premesse per un migliore futuro è quello che riguarda le dinamiche territoriali dell’occupazione. Nel Mezzogiorno infatti per la prima volta dall’inizio della crisi l’aumento del tasso di occupazione è più accentuato che nel resto del paese, con un aumento dello 0,8% rispetto ai valori del Nord dello 0,6% e dello 0,5% del Centro.


Dal rapporto appare che i più soddisfatti del loro impiego sono i lavoratori che hanno scelto volontariamente un impiego a tempo parziale, il 60% dei quali ha assegnato valori medi di soddisfazione in un punteggio che va tra 8 e 10.


Per quanto riguarda la fascia d’età che va dai 24 ai 64 anni, la crescita dell’occupazione è stata di 0,6 punti percentuali rispetto al 2014, portando la quota del tasso di occupazione al 60%.

Notizie positive arrivano anche dai dati sul divario di genere. Gli indicatori sulla differenza tra i tassi di occupazione delle donne con figli in età prescolare e delle donne senza figli nella fascia di età tra i 25 e i 49 sono in miglioramento, al 78%. Questi aumenti non hanno la stessa intensità del 2012, quando il rapporto aveva un tasso di crescita del 2,1% ma l’aumento è costante. Stessa crescita presenta l’asimmetria all’interno della coppia riguardo la divisione dei carichi domestici. Per le donne i problemi di conciliazione tra la vita e il lavoro restano rilevanti, ma qualcosa sta migliorando, come migliora la disparità in termini di mancata partecipazione al lavoro, nonostante si attesti su valori accentuati del 26,8%.
Per quanto riguarda i giovani nella fascia d’età che va dai 24 ai 64 anni, la crescita dell’occupazione è stata di 0,6 punti percentuali rispetto al 2014, portando la quota del tasso di occupazione al 60%. Nella fascia d’età tra i 20 e i 34 anni la crescita è di 0,2 punti, per gli under 55 di 0,3. Gli aumenti per gli ultracinquantenni sono più significativi, arrivano a superare di 2 punti i dati del 2014.

Il 2015 si è presentato anche con una novità. Uno dei fattori che invece per la prima volta dimostra una diminuzione è il tasso di mancata partecipazione che rispetto al 2014 ha una riduzione dello 0,4% e si è attestato in valori del 22,5%.
Ultimo dato in crescita è quello sulla sicurezza sul lavoro dal quale provengono altri segnali positivi. Il tasso di infortuni mortali e inabilità permanente è pari a 12,2 lavoratori ogni 10.000 occupati. La riduzione è di circa un punto rispetto al 2013.

- Advertisement -spot_img

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Talk For

F&NEWS