martedì, 29 Novembre 2022

Non temere i robot e le altre lezioni tratte da uno studio sull’economia digitale

Da non perdere

Articolo di Steve Lohr, The New York Times

Traduzione di Flavia Stefanelli

L. Rafael Reif, presidente del Massachusetts Institute of Technology, ha lanciato una chiamata (intellettuale) alle armi alla facoltà dell’università nel novembre 2017: aiutare a generare intuizioni su come l’avanzamento della tecnologia ha cambiato e cambierà la forza lavoro e quali politiche creerebbero opportunità per più americani nell’economia digitale.

Quel numero, ha scritto, è la “sfida decisiva del nostro tempo”.

Tre anni dopo, la task force riunita per affrontarlo sta pubblicando le sue conclusioni di ampio respiro. Il rapporto di 92 pagine, “Il lavoro del futuro: costruire posti di lavoro migliori in un’era di macchine intelligenti“, è stato pubblicato martedì.

Il gruppo è composto da M.I.T. professori e studenti laureati, ricercatori di altre università e un comitato consultivo di dirigenti aziendali, funzionari governativi, educatori e leader sindacali. In uno sforzo straordinariamente completo, hanno incluso analisi del mercato del lavoro, studi sul campo e suggerimenti politici per i cambiamenti nei programmi di formazione professionale, il codice fiscale, le leggi sul lavoro e le aliquote di salario minimo.

Ecco quattro dei principali risultati del rapporto:

La maggior parte dei lavoratori americani se la sono cavata male.
È noto che coloro che occupano i gradini più alti della scala lavorativa prosperano da decenni, mentre i salari per i lavoratori americani medi sono rimasti fermi. Ma l’analisi del M.I.T. va oltre. Ha rilevato, ad esempio, che i salari reali per gli uomini senza diplomi universitari quadriennali sono diminuiti del 10-20% dal loro picco nel 1980 (due terzi dei lavoratori americani non hanno diplomi universitari quadriennali).

I ricercatori hanno scoperto che l’economia degli Stati Uniti produce divari salariali più ampi, un numero proporzionalmente inferiore di posti di lavoro di alta qualità e una minore mobilità intergenerazionale rispetto alla maggior parte delle altre nazioni sviluppate. E l’America non sembra ottenere un compenso nella crescita. “Gli Stati Uniti stanno ottenendo un basso ‘ritorno’ per la loro disuguaglianza”, afferma il rapporto.

Né la posizione in ritardo dei lavoratori americani sembra essere il risultato della tecnologia. “Non è che abbiamo una tecnologia migliore, automatizzando più lavori con salario medio”, ha affermato David Autor, un M.I.T. economista del lavoro e coautore del rapporto. “Abbiamo istituzioni peggiori.”

Robot e intelligenza artificiale non vogliono offrire un futuro senza lavoro.
La tecnologia ha sempre sostituito alcuni lavori, ne ha creati di nuovi e ne ha cambiati altri. La domanda è se le cose saranno diverse questa volta quando i robot e l’intelligenza artificiale prenderanno rapidamente il sopravvento sugli esseri umani negli stabilimenti e negli uffici.

Il M.I.T. i ricercatori hanno concluso che il cambiamento sarebbe stato più evolutivo che rivoluzionario. Infatti, hanno scritto, “prevediamo che nei prossimi due decenni, i paesi industrializzati avranno più opportunità di lavoro che lavoratori per riempirle”.

Tale giudizio è basato sulla ricerca sul campo in diversi settori tra cui assicurazioni, assistenza sanitaria, veicoli senza conducente, logistica e magazzini, produzione avanzata e produttori di piccole e medie dimensioni. i ricercatori hanno concluso che un uso diffuso era ancora lontano un decennio o più. Nei magazzini, Amazon ha fatto passi da gigante con i sistemi di trasporto automatizzati e un po’ di robotica, ma i suoi magazzini funzionano con il lavoro umano e continuerà così per anni.

Nonostante i progressi, i robot semplicemente non hanno la flessibilità e la destrezza dei lavoratori umani. I robot di oggi imparano dai dati e dalla ripetizione. Possono essere notevolmente abili in un determinato compito, ma solo in quello. Il rapporto citava un robot messo a punto per afferrare in grado di prendere una ciambella glassata e posizionarla con cura in una scatola, con la sua glassa lucida e intatta.

“Ma quella pinza funziona solo con le ciambelle”, dice il rapporto. “Non può raccogliere un ciuffo di asparagi o un pneumatico per auto.”

Il costo e le competenze operative richieste rallenteranno anche l’adozione diffusa dei robot. Un team di ricerca ha esaminato dozzine di produttori di piccole e medie dimensioni in Massachusetts, Ohio e Arizona e ha trovato “pochissimi robot ovunque”. (Le piccole e medie imprese, con meno di 500 lavoratori, rappresentano il 98% delle aziende manifatturiere della nazione e il 43% dell’occupazione manifatturiera.)

La formazione dei lavoratori in America deve corrispondere al mercato.
“L’ingrediente chiave per il successo sono i partenariati pubblico-privato”, ha affermato Annette Parker, presidente del South Central College, un college comunitario del Minnesota e membro del comitato consultivo del M.I.T. progetto.

Le scuole, le organizzazioni no profit ed i programmi sponsorizzati dalle aziende che sono riusciti a portare le persone a lavori della classe media fanno eco al suo punto: la necessità di collegare la formazione professionale alla domanda aziendale.

La signora Parker punta allo sviluppo del campo ibrido della “meccatronica”, che combina competenze meccaniche, elettroniche e digitali di base per la manutenzione di macchinari moderni. Gli stipendi salgono a $ 80.000, ha detto, aggiungendo che “tutti coloro che automatizzano ne hanno bisogno”.

Il rapporto indica programmi di successo che offrono percorsi alternativi all’istruzione e alla formazione professionale. IBM ha creato un programma, P-TECH, che combina scuole superiori, community college ed esperienza lavorativa con IBM e molte altre società. Il programma di sei anni è rivolto ai settori della scienza e della tecnologia e agli studenti di comunità svantaggiate. Iniziato nel 2011, il programma è ora disponibile in più di 160 scuole in America.

“Le aziende tecnologiche hanno l’obbligo di aiutare a preparare in modo responsabile la società per questi lavori con competenze più elevate”, ha affermato Ginni Rometty, presidente esecutivo di IBM e membro del M.I.T. Comitato consultivo.

Google dispone di un importante programma di certificazione tecnologica. Il corso online richiede in genere da tre a sei mesi e i laureati ottengono un certificato professionale di supporto IT di Google. Più di 50 aziende si sono impegnate a riconoscere il certificato di Google quando assumono personale di supporto tecnologico. Il programma è il corso certificato più popolare su Coursera, la rete di apprendimento online.

Il rapporto raccomanda un credito d’imposta per la formazione del datore di lavoro, simile all’attuale credito d’imposta per ricerca e sviluppo, che può essere applicato solo a certificazioni riconosciute dal settore.

Ci sono una manciata di programmi di formazione professionale senza scopo di lucro con comprovata esperienza, tra cui Year Up, Per Scholas, Project Quest e JVS. Il M.I.T. group suggerisce di mettere a disposizione sovvenzioni federali per tali programmi di formazione e lavoro non universitari.

Ma quelle iniziative senza scopo di lucro sono ancora piccole, raggiungendo decine di migliaia all’anno in totale. Al contrario, i 1.100 community college della nazione servono milioni di studenti. Il rapporto li definisce “il fulcro dell’ecosistema della formazione americano” e raccomanda di aumentare i finanziamenti governativi, con il sostegno legato all’adozione delle migliori pratiche e all’inserimento degli studenti in lavori ben retribuiti.

I lavoratori hanno bisogno di più potere, voce e rappresentanza.
Il rapporto chiede di aumentare il salario minimo, ampliare l’assicurazione contro la disoccupazione e modificare le leggi sul lavoro per consentire la contrattazione collettiva in occupazioni come i lavoratori domestici e di assistenza domiciliare e i lavoratori freelance. Tale rappresentanza, osserva il rapporto, potrebbe provenire da sindacati tradizionali o gruppi di difesa dei lavoratori come la National Domestic Workers Alliance, Jobs With Justice e Freelancers Union.

Il M.I.T. i ricercatori raccomandano anche modifiche alle leggi fiscali che favoriscono la spesa aziendale per le macchine piuttosto che per i lavoratori.

La modifica del codice fiscale e delle leggi sul lavoro è tra le raccomandazioni politicamente più controverse del rapporto. Ma la politica non è sempre prevedibile e potrebbe cambiare, ha affermato David Rolf, presidente fondatore del Local 775 del Service Employees International Union con sede a Seattle e leader della campagna Fight for Fifteen, lo sforzo per aumentare il salario minimo a $ 15 un ora.

Il presidente Trump ha vinto comodamente la Florida nelle elezioni di questo mese, ma oltre il 60% degli elettori della Florida ha approvato un emendamento costituzionale dello stato che porta il salario minimo a 15 dollari l’ora entro il 2026, dal suo livello attuale di 8,56 dollari.

Il signor Rolf, membro del comitato consultivo, ha affermato che il rapporto “indicava la necessità di un diverso quadro economico e giuridico”. E, ha aggiunto, “questo è un segnale importante, proveniente dal M.I.T.”

- Advertisement -spot_img

Talk For

F&NEWS