martedì, 29 Novembre 2022

Nel 2022, i crypto-hacker hanno già rubato 1,9 miliardi di dollari, ma meno persone sono vittima delle truffe

Da non perdere

I crypto-hacker hanno già rubato 1,9 miliardi di dollari in criptovaluta durante i primi sette mesi del 2022, con un aumento del 37% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Secondo un rapporto di Chainalysis, una piattaforma di dati blockchain, l’attività crittografica illegale è aumentata tramite hacking e fondi rubati.

Il rapporto ha rilevato che fino a luglio 2022 1,9 miliardi di dollari in criptovalute sono stati rubati con l’hackeraggio di diversi servizi di criptovaluta, mentre a luglio 2021 erano quasi 1,2 miliardi.

Sembra che non ci sarà presto un’inversione di tendenza. Durante la prima settimana di agosto sono stati, infatti, compiuti già diversi attacchi hacker: uno da 190 milioni di dollari indirizzato a Nomad, un cross-chain bridge [1], e uno da 5 milioni di dollari ad alcuni wallet Solana [2].

DeFi rende più facile l’hacking?

Chainalysis attribuisce l’aumento dei fondi rubati ai protocolli DeFi, che sono “singolarmente vulnerabili” all’hacking. Finora, quest’anno, gran parte dei fondi rubati è stato ricollegato agli hacker di gruppi affiliati alla Corea del Nord, che hanno sottratto circa 1 miliardo di dollari in criptovalute da DeFi.

Secondo il rapporto, è probabile che questo tipo di furto continui fino a quando i pool di protocolli DeFi e altri servizi rimarranno vulnerabili.

L’unico modo per fermarli è che l’industria supporti la sicurezza ed educhi i consumatori su come trovare progetti sicuri in cui investire“, rileva il rapporto. “Le forze dell’ordine, nel frattempo, devono continuare a migliorare la propria capacità di trovare la criptovaluta rubata, in modo tale che non valga più la pena fare un attacco hacker”.

Non così tante persone sono vittime di crypto-truffe

Meno persone sono vittima di truffe di criptovaluta e i trasferimenti individuali alle crypto-truffe nel 2022 sono i più bassi degli ultimi quattro anni, come mostra il rapporto del tracker di settore di questa settimana.

Secondo il rapporto di Chainalysis, l’attività illecita sembra essere legata al calo dei prezzi tra diverse valute e all’economia.

Le truffe di criptovaluta in genere si presentano come un’opportunità di investimento passivo che promette enormi rendimenti. Ma a causa del calo del valore di tutti i tipi di attività, non solo delle criptovalute, questo tipo di truffa risulta meno attraente per le potenziali vittime.

Kim Grauer, direttore della ricerca a Chainalysis, ha detto che il rapporto suggerisce che alcuni tipi di attività crittografiche criminali sono più correlati all’andamento del mercato rispetto ad altri.

In particolare, le truffe sono diminuite di anno in anno con il crollo generale del mercato“, ha detto in una nota. “Tuttavia, i fondi rubati negli hack sono ai massimi storici, il che fa pensare che i ladri – compresi i nation state actors stiano aumentando la loro attività indipendentemente dai prezzi“.

Chi è più vulnerabile alle crypto-truffe?

Chainanalysis ha stimato che gli utenti di criptovalute inesperti che in genere hanno maggiori probabilità di cadere nelle truffe ora sono meno tentati, a causa dell’implosione dei prezzi e dei mercati delle criptovalute. Una prospettiva meno attraente rispetto a schemi veloci e ricchi che prosperavano quando i prezzi erano alti e promettevano rapidi guadagni.

Grandi anomalie come PlusToken, che ha truffato gli utenti per 2 miliardi di dollari nel 2019 e Finiko, che si è assicurato oltre 1,5 miliardi di dollari nel 2021, sono di solito i principali fattori di guadagno. Ma secondo il rapporto, nel 2022 nessuna truffa si è avvicinata a questo livello. Il valore più alto raggiunto è stato di 272,935,606 dollari per una truffa chiamata JuicyFields.io.

Tuttavia, una o due enormi truffe guidano le entrate totali anno dopo anno, quindi se una grande truffa come Finiko o PlusToken viene smascherata, la tendenza al calo dei ricavi verrà invertita.

Mentre l’attività crittogratica illegale è crollata insieme a quella legittima, “i settori pubblico e privato devono continuare a lavorare insieme e affinare la loro capacità di combattere il crimine basato sulla criptovaluta“, dice il rapporto.

La buona notizia è che con gli strumenti giusti, tutta questa attività può essere controllata grazie alla trasparenza della blockchain“, ha concluso Grauer.

[1] Nomad bridge permette agli utenti di scambiare token da blockchain.

[2] Solana è una blockchain decentralizzata pensata per abilitare la scalabilità e l’usabilità delle applicazioni decentralizzate.

Articolo a cura di Sara Edwards, USA Today

Traduzione a cura di Francesca Santoro

- Advertisement -spot_img

Talk For

F&NEWS