martedì, 29 Novembre 2022

Le scuole online sono qui per restare, anche dopo la pandemia

Da non perdere

Articolo di Natasha Singer, The New York Times

Alcune famiglie sono arrivate a preferire scuole virtuali autonome e distretti che si affrettano ad accoglierle, sebbene persistano domande sull’apprendimento a distanza.

Rory Levin, una studentessa di prima media a Bloomington, Minnesota, odiava andare a scuola. Ha una condizione di salute che spesso lo fa sentire in ansia nei confronti degli altri studenti. Prendere lezioni di educazione speciale ha fatto poco per alleviare la sua ansia.

Quindi, quando il suo distretto ha creato un programma autonomo solo digitale, Bloomington Online School, l’anno scorso per la pandemia, Rory ha deciso di provarlo. Ora l’undicenne si sta godendo la scuola per la prima volta, ha detto sua madre, Lisa Levin. Ama le lezioni video e ha stretto amicizia con altri studenti online, ha detto.

A dicembre, le Bloomington Public Schools ha deciso di continuare a gestire la scuola online anche dopo la fine della pandemia. La signora Levin ha in programma di iscrivere nuovamente Rory per questo autunno.

“È così buono per lei”, ha detto. “Speriamo davvero che possano continuare per il resto della sua carriera scolastica”.

Un anno dopo che il coronavirus ha provocato una terremoto nell’istruzione pubblica, alcuni dei programmi da remoti che i distretti hanno attivato temporaneamente, sono pronti a sopravvivere alla pandemia. Anche se gli studenti torneranno a frequentare le aule, ci sono alcune famiglie che preferiscono l’apprendimento online e stanno spingendo per mantenerlo; in risposta le scuole si affrettano ad accogliere le loro richieste.


I distretti si stanno affrettando a creare scuole online a tutti gli effetti, anche se si teme che l’apprendimento a distanza abbia avuto un impatto negativo sul progresso accademico e sulla salute emotiva di molti bambini. Genitori e legislatori, allarmati dalla situazione, hanno esortato le scuole a riaprire. Il mese scorso, il governatore Phil Murphy, un democratico, è arrivato al punto di dire che non dovrebbe esserci alcuna opzione di apprendimento a distanza per i bambini nel New Jersey questo autunno.

Anche così, almeno diverse centinaia dei 13.000 distretti scolastici della nazione hanno istituito scuole virtuali in quest’anno accademico, con l’obiettivo di farle funzionare negli anni a venire, hanno detto i ricercatori dell’istruzione. A differenza di molti programmi scolastici pandemici improvvisati, queste scuole virtuali autonome hanno i propri insegnanti, che lavorano solo con studenti collegati da remoto e utilizzano programmi progettati per l’apprendimento online.
La Bloomington Online School “è così adatta per lei”, ha detto la signora Levin.

La domanda di scuole virtuali è aumentata vertiginosamente. Fulton County Schools ad Atlanta, uno dei più grandi sistemi scolastici della nazione, prevede di iscrivere circa 1.000 studenti nella sua nuova scuola online questo autunno. Il distretto scolastico di Anchorage prevede che circa 2.000 bambini frequenteranno la scuola online creata lo scorso agosto. E in Minnesota, il numero di scuole online approvate dallo stato è destinato a raddoppiare quest’anno a 80 o più, da 37 prima della pandemia.

In uno studio della RAND Corporation, “Remote Learning Is Here to Stay”, 58 amministratori distrettuali su 288 – circa il 20% – hanno affermato che il loro sistema scolastico aveva già avviato una scuola online, ne stava progettando di avviarne una o stava considerando di farlo come un’offerta postpandemia.

“Questo non è certo una panacea o un proiettile d’argento per la scuola pubblica”, ha detto Heather Schwartz, ricercatrice di politica senior presso RAND che ha diretto lo studio. Ma, ha aggiunto, “c’è una minoranza di genitori, una minoranza di studenti e persino una minoranza di insegnanti per i quali la scuola virtuale è la modalità preferita”.

Tuttavia, un’ondata di scuole online comporta dei rischi. Potrebbe normalizzare gli approcci di apprendimento da remoto che hanno avuto scarsi risultati per molti studenti, hanno detto i ricercatori dell’istruzione. Potrebbe anche dividere ulteriormente un fragile sistema educativo nazionale, specialmente quando molte famiglie asiatiche, nere e latine sono state diffidenti nel rimandare i loro figli a scuola quest’anno.

“La mia paura è che porterà a ulteriori fratture e frammentazione”, ha detto Jack Schneider, assistente professore di educazione presso l’Università del Massachusetts, Lowell.

I distretti hanno affermato che stavano semplicemente rispondendo alla domanda di genitori e bambini che desiderano restare fedeli all’apprendimento a distanza, alcuni a causa di problemi di salute degli studenti, altri a causa di preoccupazioni per il bullismo o la discriminazione nella loro scuola e alcuni che preferiscono semplicemente la comodità di imparare a casa .

I distretti che non riescono ad avviare scuole online potrebbero perdere studenti – insieme ai finanziamenti governativi per l’istruzione – a favore di accademie virtuali gestite da distretti, aziende o organizzazioni non profit vicini, hanno detto gli amministratori. Per pagare le nuove offerte online, hanno affermato alcuni distretti, stanno utilizzando fondi federali di soccorso per il coronavirus o spostando risorse da altri programmi.

Le scuole online hanno iniziato ad aprire negli anni ’90, alcune gestite da stati o distretti e altre da società private o organizzazioni di gestione charter senza scopo di lucro. Ma fino a poco tempo fa, hanno svolto un ruolo di nicchia in molti stati.

Nell’ultimo decennio, le autorità di regolamentazione del governo hanno accusato di frode alcuni dei più grandi fornitori di scuole online a scopo di lucro, citandoli per scarsi risultati accademici e chiudendo scuole a basso rendimento. Diversi studi hanno riportato che i bambini nelle scuole online, in particolare nelle cyber charter school, hanno risultati educativi inferiori rispetto ai coetanei nelle scuole pubbliche tradizionali.

Molte scuole virtuali richiedono ai bambini di seguire corsi online in modo indipendente, integrati da occasionali interazioni virtuali con gli insegnanti. Questo approccio autodiretto ha attratto studenti automotivati ​​e coloro con genitori disponibili a fare da insegnati. Ma non ha funzionato bene per coloro che hanno bisogno di una guida più diretta e faccia a faccia dell’insegnante.
“Se le nostre scuole pubbliche tradizionali iniziano a insegnare in questo modo, sarà disastroso”, ha affermato Gary Miron, professore di valutazione e ricerca sull’istruzione presso la Western Michigan University che ha studiato le scuole interamente virtuali.

Prima della pandemia, meno dell’1% degli studenti delle scuole primarie e secondarie della nazione frequentava scuole virtuali a tempo pieno, secondo il National Education Policy Center dell’Università del Colorado. La maggior parte di questi studenti ha frequentato scuole charter virtuali.

Poi la scorsa primavera, con la diffusione del coronavirus, i distretti hanno iniziato a cercare programmi di studio digitali già pronti. Molti si sono rivolti a fornitori affermati come Florida Virtual School, una scuola pubblica online di 24 anni che offre lezioni gratuite a studenti statali e concede in franchising i propri corsi a centinaia di altri distretti.

Quest’anno scolastico, Somerville Public Schools a Somerville, Massachusetts, ha consentito agli studenti remoti di seguire determinati corsi attraverso la Florida Virtual School. Keri Rodrigues, un genitore di Somerville, ha iscritto suo figlio Miles, un bambino di terza elementare, al programma a dicembre.

La signora Rodrigues ha detto che Miles si era annoiato e si era sentito ignorato durante le lezioni video della sua scuola locale. Pensava che sarebbe stato più felice di frequentare corsi attraverso la scuola virtuale, dove avrebbe potuto indirizzare il proprio apprendimento e lei avrebbe potuto controllare i suoi progressi.

“Ha avuto una bellissima esperienza”, ha detto la signora Rodrigues, presidente della National Parents Union, una rete di gruppi di difesa che rappresentano genitori con basso reddito e genitori di colore. “Un giorno era rintanato negli studi sociali e poteva passare tutto il giorno a fare quelle lezioni, poi il giorno dopo studiava matematica.”
Altri distretti, come le Bloomington Public Schools, hanno deciso di creare internamente scuole online.

“Il nostro slogan è: “I corsi della Bloomington Online School sono tenuti da insegnanti di Bloomington con un programma creato da Bloomington”, ha affermato John Weisser, direttore esecutivo del distretto per la tecnologia. “Aggiunge un livello di integrità, dove spesso i corsi online sono considerati minori”.
Alcuni distretti offrono anche opportunità sociali per i bambini nelle scuole online. Gli studenti del programma virtuale del distretto scolastico di Anchorage possono partecipare ad atletica, club e altre attività di persona attraverso le scuole del loro quartiere.

I distretti che istituiscono scuole online devono affrontare una curva di apprendimento. La scorsa estate, le Huntsville City Schools in Alabama hanno iniziato a commercializzare la sua nuova Huntsville Virtual Academy come un’opzione per consentire ai bambini di imparare da qualsiasi luogo al proprio ritmo. Ma a pochi mesi dall’inizio dell’anno scolastico, i genitori hanno chiesto più supporto e struttura per i bambini nel programma, quindi questo semestre la scuola ha introdotto un modello diretto dall’insegnante che richiede agli studenti di accedere per le lezioni video di gruppo e accendere le loro telecamere. Quasi 6.900 studenti del distretto – circa il 30 per cento – sono iscritti.

Anche la Siloam Springs Virtual Academy, istituita lo scorso autunno dal distretto scolastico di Siloam Springs nel nord-ovest dell’Arkansas, ha rafforzato le sue politiche. Invece di accettare tutti gli studenti interessati, chiede loro di presentare domande per questo autunno e soddisfare determinati criteri, hanno detto gli amministratori in una riunione del consiglio scolastico. Ciò include un buon record di presenze e un forte sostegno dei genitori.

Lo slancio per le scuole online è particolarmente evidente in Minnesota. Il Dipartimento dell’Istruzione dello Stato ha detto che stava elaborando circa 50 domande per nuove scuole virtuali, rispetto a due o tre un anno prima del coronavirus.

“Prima era un piccolo club di persone che capivano davvero e praticavano l’apprendimento online”, ha affermato Jeff Plaman, lo specialista dell’apprendimento digitale che gestisce le applicazioni per le nuove scuole online presso il Minnesota Department of Education. “Ora è l’intera forza lavoro.”

La scorsa estate, gli amministratori di Osseo Area Schools, vicino a Minneapolis, hanno creato un programma di apprendimento a distanza per l’anno scolastico pandemico. Si sono iscritti circa 5.000 bambini dell’asilo fino alla dodicesima elementare, ovvero quasi il 25% degli studenti del distretto.

Ora Osseo sta creando una scuola online a tutti gli effetti con il proprio personale docente, ha affermato Anthony Padrnos, direttore esecutivo della tecnologia del distretto. A differenza di alcune scuole virtuali che raggruppano 80 o più studenti in lezioni video di gruppo dal vivo, ha detto, Osseo limita le sue lezioni online a 30-35 studenti. Finora, 1.000 si sono iscritti per l’autunno.

Resta da vedere se le scuole virtuali possono mantenere un numero elevato di iscrizioni dopo la pandemia. Anche gli studenti autodidatti che amano la scuola online hanno detto di aver perso i loro amici, per non parlare delle attività di persona come la ginnastica.


“Mi piace la scuola online”, ha detto Abigail Reams, 11 anni, una studentessa di quinta elementare presso la Bloomington Online School che è stata intervistata al notiziario della scuola trasmesso quest’anno. “Ma mi piace anche la scuola di persona. Spero davvero che il prossimo anno potremo tornare indietro”.

- Advertisement -spot_img

Talk For

F&NEWS