martedì, 29 Novembre 2022

La nuova tecnologia cerca di individuare anche le più piccole perdite di metano dallo spazio

Da non perdere

Articolo di Paul Tullis, The New York Times

Traduzione di Flavia Stefanelli

Tra il crescente allarme sul ruolo del metano nel guidare il riscaldamento globale, un’azienda canadese ha iniziato a vendere un servizio per rilevare anche fughe relativamente piccole. Almeno due rivali sono in arrivo.

Il metano, il potente e invisibile gas serra, è fuoriuscito dagli impianti petroliferi sin da quando sono stati perforati i primi pozzi più di 150 anni fa. Da sempre, è molto difficile per gli operatori misurare accuratamente le emissioni – c’è poca motivazione a farlo, poiché le normative sono generalmente deboli.

Ora, la tecnologia sta recuperando terreno proprio mentre cresce l’allarme sul ruolo del metano come guida del riscaldamento globale. Una società canadese, GHGSat, il mese scorso ha utilizzato i satelliti per rilevare quella che ha definito la più piccola perdita di metano vista dallo spazio e ha iniziato a vendere dati a emettitori interessati a individuare le perdite che in precedenza erano più difficili da individuare.

“La scoperta e la quantificazione delle fughe di gas dallo spazio è un punto di svolta nell’interazione delle scienze atmosferiche e della mitigazione dei cambiamenti climatici”, ha affermato Thomas Roeckmann, professore di fisica e chimica dell’atmosfera presso l’Università di Utrecht nei Paesi Bassi e coordinatore di un progetto, chiamato MEMO2, per misurare le perdite di metano a livello del suolo. “Probabilmente saremo in grado di rilevare perdite più piccole nel prossimo futuro”.

Presto l’azienda potrebbe avere concorrenza. Bluefield Technologies, con sede a New York City, pianifica un gruppo di satelliti per il lancio nel 2023 che promette una risoluzione ancora più precisa. E l’Environmental Defense Fund spera di lanciare MethaneSAT nei prossimi due anni, progettato per rilevare piccole perturbazioni nel metano in grandi aree.

Fino a pochi anni fa, la misurazione del metano da piccole aree come un pozzo di fracking richiedeva sensori a terra. Erano bravi a determinare le concentrazioni di gas in un sito, ma considerando i milioni di impianti di petrolio e gas in tutto il mondo e l’alto costo di controllo e ricontrollo, trovare perdite potrebbe richiedere tempo e risultare complicato, anche con l’uso di aeroplani e droni. Nel 2002, i satelliti del Giappone e dell’Agenzia spaziale europea hanno iniziato a fare il punto sulle emissioni globali, ma la risoluzione era troppo bassa per identificare le sorgenti puntuali.

“Gli aerei sono molto costosi” per il monitoraggio del metano, quindi “non è qualcosa che accade quotidianamente”, ha affermato Wes Jickling, amministratore delegato della canadese Oil Sands Innovation Alliance, cliente GHGSat e partnership di nove società tra cui BP e Exxon Filiale Mobil. E le restrizioni sui droni limitano la loro utilità. “Quello che ottieni dai satelliti è un monitoraggio costante”, ha detto.
GHGSat, che ha sede a Montreal, utilizza un metodo a due satelliti per individuare fughe sconosciute. In primo luogo, un satellite molto meno sensibile identifica un’area generale in cui le concentrazioni di metano sembrano aumentare.

Quindi, uno dei due satelliti più recenti, noti come Claire e Iris, viene inviato per guardare più da vicino.

Iris è stato lanciato solo pochi mesi fa e la piccola emissione rilevata in ottobre era una fuga di prova, progettata per dimostrare che il prodotto funzionava effettivamente. “Diversi ordini di acquisto erano subordinati alla dimostrazione iniziale delle prestazioni di Iris”, ha affermato Stéphane Germain, amministratore delegato di GHGSat.

Dei tanti gas che provocano il riscaldamento del clima prodotto dagli esseri umani, pochi sono fastidiosi come il metano.

Oltre alla produzione di combustibili fossili, compreso il carbone, il metano proviene anche dalle discariche e dall’agricoltura, compresi gli allevamenti di bestiame e riso. Fonti naturali come le zone umide producono circa il 40% delle emissioni mondiali.

Il metano è meno diffuso nell’atmosfera dell’anidride carbonica, ma è molto più potente nell’intrappolare il calore del sole ed è diventato sempre più un obiettivo di preoccupazione per il raggiungimento degli obiettivi di riduzione dei gas a effetto serra dell’accordo di Parigi, il patto del 2015 tra nazioni del mondo per ridurre le emissioni per combattere il riscaldamento.

“Non sappiamo quali siano i grandi emettitori tra le tante miniere di carbone e milioni di impianti di petrolio e gas”, ha detto Ilse Aben, co-ricercatore principale con il gruppo di scienze della terra presso l’Istituto olandese per la ricerca spaziale, che fornisce dati dal satellite più vecchio che gioca un ruolo nelle scoperte di GHGSat. Ma ora “puoi davvero vedere da dove proviene il metano, anche quale parte di quale impianto”.

Poiché il metano si dissipa nell’atmosfera più rapidamente dell’anidride carbonica, la riduzione delle emissioni di metano porta benefici per il clima molto più rapidamente. Eppure, mentre è raddoppiato nella concentrazione atmosferica negli ultimi 70 anni, non è stato ben compreso esattamente da dove proviene tutto questo metano aggiuntivo.

Dato che è noto che le operazioni di petrolio e gas perdono metano e l’aumento del metano nell’atmosfera è avvenuto in concomitanza con il boom delle perforazioni, sembravano un posto naturale in cui cercare. Le emissioni di metano delle operazioni petrolifere e del gas sono state, nella ricerca degli ultimi anni, di gran lunga superiori alle stime del settore e dell’Agenzia per la protezione ambientale.

Questo è sia un rischio che un’opportunità per le società energetiche.

Un rischio perché i regolatori, i legislatori e i finanziatori stanno diventando sempre più seri riguardo alla limitazione delle emissioni: questo mese, il Regno Unito ha richiesto alle grandi aziende e alle banche di rivelare i loro rischi climatici entro il 2025. E più di 100 grandi banche hanno posto restrizioni ai loro investimenti in combustibili fossili.

“La tecnologia sta offrendo un modo per portare controlli indipendenti sulle prestazioni ambientali, che ora sono chiaramente una fonte di rischio finanziario”, ha affermato Charles Donovan, direttore esecutivo del Center for Climate Finance and Investment presso l’Imperial College Business School di Londra.

Rilevare e sigillare le perdite è un’opportunità perché gran parte di ciò che viene recuperato potrebbe essere venduto per produrre energia, poiché il metano è il componente principale del gas naturale. Tuttavia, i prezzi del gas sono estremamente bassi in questo momento, il che è un grande disincentivo economico per riparare le perdite.

Nonostante ciò, i satelliti saranno ancora in grado di individuare le emissioni dallo spazio, ha detto la signora Aben, consentendo agli osservatori di dire ai proprietari dei siti che ci sono perdite: “Lo stiamo vedendo e cosa ha intenzione di fare al riguardo?”

Shell ha dichiarato che nel 2018 avrebbe iniziato a legare la compensazione dei dirigenti alla riduzione delle emissioni di metano e un anno dopo ha stipulato un accordo con GHGSat. “C’è una reale pressione ora da parte degli investitori, che stanno esaminando il grado di allineamento dei loro portafogli con gli obiettivi di Parigi, o sono semplicemente preoccupati per i rischi associati ai cambiamenti climatici”, ha affermato Donovan.

I satelliti che rilevano i gas serra funzionano misurando la luce solare riflessa dalla Terra su uno strumento chiamato spettrometro. Gas diversi assorbono la luce a frequenze caratteristiche diverse, quindi vedendo quanta luce di particolari lunghezze d’onda raggiunge lo strumento (dopo aver regolato la complessità della copertura nuvolosa e altro) gli operatori possono vedere quanto metano o altro gas c’è su un particolare paesaggio. Il calcolo della velocità e della direzione del vento, insieme alla topografia, aiuta a rintracciare il gas fino ad una fonte.
L’anno scorso GHGSat ha individuato, per caso, una nuvola di gas in Turkmenistan così grande da rivaleggiare con lo scoppio del SoCalGas del 2015 nella California meridionale per la distinzione della più grande perdita di metano conosciuta.

Da allora, GHGSat ha collaborato con scienziati dell’Istituto di ricerca spaziale olandese, che ha contribuito a sviluppare uno spettrometro satellitare grandangolare chiamato Tropomi. “Ogni due settimane, ci danno un elenco di punti caldi che hanno trovato, e poi andiamo a dare un’occhiata” con una risoluzione più precisa, ha detto Germain.

“Se si rivelano essere fonti industriali, lavoriamo per trovare gli operatori e informarli e, se non sono già clienti, si spera che il nostro lavoro li trasformi in clienti”, ha affermato.

I satelliti misurano il metano nell’atmosfera da quando l’Agenzia spaziale europea ha lanciato Envisat nel 2002, sebbene l’obiettivo di questo e di altri satelliti fosse quello di calcolare i livelli di emissioni globali, non di individuare fughe specifiche. Il Giappone è seguito dal GOSAT nel 2009 e il Tropomi dell’ESA è entrato in funzione nel 2017 (i repubblicani al Congresso hanno demolito una missione della NASA nel 2005).

Quando l’Europa ha avviato il suo programma cap-and-trade per limitare i gas serra costringendo gli emettitori oltre una certa soglia a pagare per la loro produzione in eccesso, Germain ha detto di aver capito che ci sarebbe stato un incentivo finanziario per le aziende a trovare e ridurre le proprie emissioni. La sua azienda ha brevettato uno strumento in grado di mappare le emissioni con una risoluzione molto più precisa di quella che i satelliti finanziati con fondi pubblici erano in grado di vedere. Tuttavia, poiché è ingrandito, non è pratico utilizzarlo per scansionare il mondo intero.

Dalla scoperta del Turkmenistan, l’istituto spaziale olandese e GHGSat hanno collaborato per trovare grandi emissioni dalle miniere di carbone in Cina e Australia, nonché da altri impianti di petrolio e gas in Asia centrale. La signora Aben ha detto che, con il nuovo orbiter, “vedremo molto di più”.

- Advertisement -spot_img

Talk For

F&NEWS