lunedì, 20 Settembre 2021

La complessità della transizione energetica in Cina

Da non perdere

Noel Angrisani
Laureato in Scienza della Politica, ha completato il suo percorso di studi con un master in Relazioni Istituzionali, Lobby e Comunicazione d'Impresa. Per due anni si è occupato di progettazione europea, successivamente ha lavorato presso un'agenzia di eventi corporate e B2B per il No-Profit. Dopo essersi cimentato nel public affairs, oggi lavora come consulente in ambito organizzazione e pianificazione.

Da quasi un decennio la Cina sta provando a costruire la propria credibilità come player in grado di rispondere alle sfide poste dalla green economy e dalla transizione energetica. L’ultimo tentativo di abbandonare il primato di più grande produttore mondiale di CO2 arriva dal lancio del sistema di emissioni (ETS) con cui sfruttare i meccanismi di mercato per raggiungere il picco di emissioni di anidride carbonica entro il 2030 e la Carbon neutrality nel 2060.

Aspettative e realtà (non solo in Cina)

L’onda verde che da tempo sferza le grandi potenze mondiali non ha risparmiato neanche la Repubblica popolare cinese, la quale ha dovuto adeguarsi e riconvertire i propri sistemi energetici. Una transizione che ha inevitabilmente investito anche gli ambiti filosofici, motivo per cui si è fatta strada l’idea di civiltà ecologica (veicolata dall’ex Presidente della Repubblica e Segretario del Partito Comunista Hu Jintao) intesa come modello che possa sostituire quello industriale e armonizzare il rapporto tra l’uomo e la natura, temperando gli effetti nocivi dei sistemi produttivi.

Le questioni di cui discute in ambito ambientale vengono declinate secondo un’accezione ideale o di principio, eludendo o bypassando quelle di natura economica. Solo per restare all’ultima settimana (ma l’elenco sarebbe ben più lungo) oltre al mercato cinese, sono diversi gli accordi e le politiche portate avanti per ridurre le emissioni di CO2 – dal piano climatico Fit for 55 fino alla scommessa green del G20 di Napoli – ma nonostante i numerosi impegni profusi e gli sforzi considerevoli per la transizione energetica, inesorabile arriva la realtà a presentare il conto.

I costi della transizione

Infatti, secondo il Sustainable Recovery Tracker dell’IEA nel 2023 ci sarà il record mondiale di emissioni ed è altamente probabile che possa crescere negli anni successivi, ma soprattutto senza “alcun picco chiaro in vista”. Il senso di disorientamento che viene restituito osservando le politiche ambientali e gli scarsi risultati ottenuti è amplificato dai costi e dalla sostenibilità economica di tali ricette. La riduzione o l’abbandono di energie fossili, secondo alcuni osservatori, rischia di generare uno svantaggio competitivo rispetto a paesi che compiono scelte diverse, ma soprattutto un costo che viene scaricato sulla bolletta dei consumatori.

Osservare il modo in cui la Cina si è mossa e si muove sullo scacchiere globale autorizza a mantenere delle riserve in merito al raggiungimento degli obiettivi dichiarati. Indubbiamente nel corso di questi anni la Repubblica popolare ha fatto significativi passi avanti sul tema del rispetto ambientale – i piani quinquennali ne sono una dimostrazione – ma la scarsa trasparenza e accuratezza dei dati, il sistema di regolamentazione scelto e la fragilità della struttura legislativa, piuttosto incerta sul versante delle sanzioni alimentano forti perplessità.

Una speranza per il futuro

Inoltre, se in sistemi più sensibili alle istanze green e con tassi di emissioni molto più bassi rispetto alla Cina, la transizione energetica non ha dato (ancora?) i frutti sperati, in un mercato complesso come quello cinese puntare sul ritiro delle centrali a carbone, senza considerare le grandi incertezze sul prezzo significa lasciare il noto per l’ignoto, con l’alta probabilità – vista l’esperienza europea – che ci vorranno diversi anni per avere un impatto significativo.

Se la strada per l’inferno (energetico) è lastricata di buone (e lodevoli) intenzioni, la transizione cinese non sarà un pranzo di gala.

- Advertisement -spot_img

Talk For

F&NEWS