martedì, 22 Giugno 2021

LA CELLULA ARTIFICIALE E INTELLIGENTE

Da non perdere

E se chi sta lavorando sull’intelligenza artificiale dovesse un giorno rivedere i suoi programmi? O, almeno, fare un passo indietro e inquadrare il contesto più nel dettaglio? Se il punto, cioè, fosse che le soluzioni per mimare le capacità dell’essere umano – potenziandole – non dovessero essere ispirate al cervello ma all’unità più elementare degli organismi, il loro tassello costitutivo morfofunzionale, la più piccola struttura vivente?

Continua a leggere l’articolo di Simone Cosimi su Wired

- Advertisement -spot_img

Talk For

F&NEWS