lunedì, 20 Settembre 2021

Il vaccino non è un’opinione – Roberto Burioni

Da non perdere

La storia dei vaccini inizia da una donna e alle donne ancor oggi è affidato il compito di donare ai propri figli, non solo la vita, ma quello che di più importante c’è al mondo: la cura, la protezione e l’immunità dalle malattie.

Lady Mary Wortley Montagu, una donna di straordinaria eleganza, nel 1715 venne colpita dal vaiolo. Benché sfigurata dalle cicatrici che la malattia le causò, resistette al virus e pochi anni più tardi ebbe un figlio. Lady Mary però coltivò una paura per cui tutti le dovremmo essere grati: che anche il suo bambino potesse patire le sofferenze del vaiolo e malauguratamente morirne. Ma un colpo di fortuna era dietro l’angolo. Moglie di un ambasciatore, Lady Mary, in viaggio a Costantinopoli, scoprì che in quella città era nascosto un segreto per difendersi da quella terribile malattia: le pustole che laceravano i corpi dei malati potevano salvare vite. I Turchi prelevavano da quelle lesioni una piccola quantità di materiale infetto, lo appoggiavano su un vetrino e tagliuzzavano la pelle di un soggetto sano. Dopo mettevano in contatto il materiale infetto con il soggetto sano. Era un metodo rudimentale, certo, ma anche l’unica soluzione di cui a quel tempo si disponeva: grazie a questo procedimento moriva il 2-3% invece che il 20-30% dei pazienti.

Lady Montague, lottando contro l’opposizione del marito, caparbia come solo una donna sa essere, decise di sottoporre a quella procedura anche il suo bambino, che il vaiolo non prese mai. Tornata in Inghilterra sperimentò questa tecnica di immunizzazione al virus, che subito si diffuse tra le classi più abbienti e di lì nacquero ricerche scientifiche sempre più precise che hanno fatto nascere i vaccini come li conosciamo oggi. A Lady Mary Wortley Montagu, ancora oggi dovremmo essere grati per la sua caparbietà.

Questa storia ci è raccontata da Roberto Burioni. Il professore del San Raffaele, ormai conosciuto in tutta Italia per la strenua battaglia che conduce contro la frangia più retrograda di tutte, quella degli anti-vaccinisti, ci regala un saggio che tutte le persone terrorizzate dai vaccini dovrebbero leggere: “Il vaccino non è un’opinione. Le vaccinazioni spiegate a chi proprio non le vuole capire”.

Burioni, ordinario di Microbiologia e Virologia presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, inizia il suo libro spiegando al lettore, come lo si fa ad un bambino, cos’è la scienza e perché non è un’opinione. Ci racconta la storia di alcune delle malattie più letali mai capitate al mondo. Ci parla del vaiolo, della rosolia, del morbillo e di come le più terribili e dolorose morti sono state evitate: con i vaccini.

Burioni è diretto e pragmatico, non usa mai giri di parole per dirci che il vaccino è un diritto e un dovere di ognuno di noi. Perché i fatti hanno questo potere, non hanno bisogno di paure, frasi non dette e complotti per affermarsi, lo fanno e basta, anche sotto la lente di ingrandimento della storia.

Ma, come abbiamo imparato, la storia ha il vizio di mettere alla prova le idee più forti. Autismo, allergie, malattie, mercurio, alluminio però sembrano tutte parole senza senso dopo che si è letto il libro di Burioni, che, con la testardaggine dello scienziato, seconda solo a quello delle donne, ci porta statistiche, analisi, ricerche e studi che provano incontrovertibilmente che i vaccini non solo non causano alcuna malattia ma salvano intere popolazioni. Distruggono le malattie più letali che il mondo abbia mai conosciuto, così come a questo libro è affidata la distruzione delle remore che sui vaccini ancora esistono. Perché è il 2017 e ognuno di noi dovrebbe imparare dalla storia e dalla caparbietà delle donne come Lady Mary Wortley Montagu a guardare alla scienza. Dovremmo scappare dalle paure, dalle inesistenti cospirazioni, dovremmo, contro ogni spinta irrazionale, regalare ai nostri figli e al mondo il bene più prezioso e meno costoso al mondo: i vaccini.

 

- Advertisement -spot_img

Talk For

F&NEWS