martedì, 29 Novembre 2022

I senatori propongono il Kids Online Safety Act dopo cinque audizioni con dirigenti tech

Da non perdere

L’anno scorso, l’ex dipendente di Facebook Frances Haugen ha fatto trapelare una miniera di documenti aziendali interni, che hanno spiegato quanto possano essere dannose app come Instagram per gli adolescenti. Queste rivelazioni bomba hanno portato a cinque audizioni della sottocommissione del Senato sulla sicurezza di Internet dei bambini, con testimonianze di dirigenti di TikTok, Snapchat, YouTube, Instagram e Facebook.

Come risultato di queste audizioni, il senatore Richard Blumenthal (D-CT) e la senatrice Marsha Blackburn (R-TN) hanno introdotto oggi il Kids Online Safety Act (KOSA). Il disegno di legge imporrebbe alle società di social media di dare agli utenti di età inferiore ai 16 anni la possibilità di proteggere le proprie informazioni, disabilitare le funzionalità dei prodotti che creano dipendenza e rinunciare alle raccomandazioni algoritmiche; dare ai genitori un maggiore controllo sull’utilizzo dei social media da parte dei figli; richiedere alle piattaforme di social media di condurre un audit annuale indipendente per valutare il loro rischio per i minori; e consentire ai ricercatori e alle organizzazioni di interesse pubblico di utilizzare i dati aziendali per informare le loro ricerche sulla sicurezza di Internet dei bambini.

«Nelle audizioni dell’ultimo anno, il senatore Blumenthal e io abbiamo sentito innumerevoli storie di danni fisici ed emotivi che colpiscono i giovani utenti e la riluttanza delle Big Tech a cambiare», ha detto il senatore Blackburn in un comunicato stampa. «Il Kids Online Safety Act affronterà questi danni impostando le necessarie linee di sicurezza da seguire per le piattaforme online che richiederanno trasparenza e daranno ai genitori più tranquillità».

C'è molta sovrapposizione tra KOSA e altre leggi emanate nell'ultimo anno dai membri della sottocommissione per la protezione dei consumatori del Senato, in cui prestano servizio sia Blackburn che Blumenthal.

A ottobre, i rappresentanti di YouTube, TikTok e Snapchat hanno concordato in un’audizione che i genitori dovrebbero avere la possibilità di cancellare i dati online per i loro figli o adolescenti, un’idea che appare negli aggiornamenti proposti dal senatore Ed Markey (D-MA) e dal senatore Bill Cassidy (R-LA) allo storico Children’s Online Privacy Protection Act (COPPA). Inoltre, Blumenthal e Markey hanno reintrodotto il Kids Internet Design and Safety (KIDS) Act a settembre, che proteggerebbe gli utenti online di età inferiore ai 16 anni da funzionalità che catturano l’attenzione come l’autoplay e gli avvisi push, vieterebbe l’influencer marketing mirato a bambini e giovani adolescenti e persino le funzionalità dell’interfaccia che quantificano la popolarità, come il conteggio dei follower e i pulsanti Like.

Nel frattempo, il Filter Bubble Transparency Act bipartisan, introdotto sia alla Camera che al Senato, affronta le preoccupazioni sulla segretezza degli algoritmi e su come influenzano gli utenti. Tale disegno di legge richiederebbe ai social network di far scegliere agli utenti di utilizzare un feed cronologico inverso standard invece di utilizzare l’algoritmo opaco, a volte di proprietà della piattaforma. Il disegno di legge KOSA appena introdotto non richiede questo pulsante, ma costringerebbe le aziende tecnologiche a consegnare “set di dati critici dalle piattaforme di social media” al governo, dice il riepilogo del disegno di legge. Quindi, ricercatori e impiegati di no-profit potrebbero richiedere l’accesso ai dati per scopi di ricerca.

In California, i legislatori statali bipartisan prevedono di introdurre un disegno di legge che è modellato sul codice di progettazione appropriata dell’età del Regno Unito. Questo disegno di legge richiederebbe ad aziende come Meta e YouTube, che hanno sede nello stato, di limitare la raccolta di dati dai bambini sulle loro piattaforme. Data la prevalenza delle Big Tech in California, anche le leggi statali potrebbero potenzialmente costringere le piattaforme ad agire per rendere le loro piattaforme più sicure per i giovani utenti.

È troppo presto per dire quale di queste legislazioni proposte, se ce ne saranno, guadagnerà abbastanza slancio per cambiare il modo in cui operano le piattaforme di social media. Ma i legislatori si sono dimostrati decisi a stabilire un maggiore controllo sulle Big Tech.

In una dichiarazione inviata via e-mail a TechCrunch, Frances Haugen ha commentato il disegno di legge.

«Lo sviluppo di oggi a Capitol Hill è una buona notizia per una serie di motivi. 1. Trasparenza: la legislazione introdotta oggi consente ai ricercatori di accedere ai dati delle aziende tecnologiche e indagare su potenziali rischi per bambini e adolescenti. 2. Empowerment: fornisce a bambini e genitori strumenti di base che fungono da guardrail per la loro attività online. 3. Bipartitismo: i senatori Blackburn e Blumenthal meritano un enorme credito per aver unito le forze. Qualunque sia l’affiliazione al partito, il benessere dei bambini è importante», ha detto.

Articolo a cura di Amanda Silberling, Techcrounch

Traduzione a cura di Francesca Santoro

- Advertisement -spot_img

Talk For

F&NEWS