sabato, 31 Luglio 2021

I robot in telepresenza stanno facendo sembrare la scuola virtuale simile alla scuola reale

Da non perdere

Articolo di Jennifer Davis, The Washington Post

Traduzione di Flavia Stefanelli

È stato un anno pieno di imprevisti per le famiglie che si sono dovute adattare rapidamente a mascherine, quarantene e apprendimento virtuale e ibrido, a causa della pandemia di coronavirus. Per Eliza Engel e suo figlio Thomas McKnight, una delle sorprese del 2020 è che nella sesta elementare della Burgundy Farm Country Day School di Alexandria, in Virginia, ora si frequentano le lezioni con l’aiuto di un robot.

“È davvero, davvero sorprendente, perché sembra uscito da Star Wars, davvero”, dice Thomas. “È come la magia techno.”

Un robot sta anche aiutando il figlio di 7 anni di Amy Kleine, Zach, a rimanere in contatto con insegnanti e altri studenti della St. Rose School di Longview, nello stato di Washington, mentre lui frequenta da remoto per ridurre al minimo il rischio di contagio per i suoi familiari.

“Attualmente, è distante dalla classe da circa otto mesi”, dice Kleine. “Non ha passato del tempo con molti bambini, a parte i suoi cugini e alcuni amici qua e là. Quindi è davvero importante per me la sua felicità. Come mamma, vedo questo robot come un punto di svolta in termini di interazione sociale. Cambia tutto in meglio”.

Zach usa un robot chiamato Swivl; Thomas ne usa uno chiamato Gufo. Entrambi sono tipi di robot da telepresenza o computer per videoconferenze intelligenti con microfoni e altoparlanti collegati. Alcuni si siedono sulle scrivanie. Altri stanno in classe. Questa tecnologia è diventata sempre più popolare nelle classi K-12 durante la pandemia, grazie a modelli di apprendimento ibridi o misti, in cui alcuni studenti sono in classe mentre altri guardano da casa. La grande differenza tra un robot e una telecamera convenzionale è che il robot segue l’azione e il suono, ruotando fino a 360 gradi, in modo che gli studenti a casa possano vedere più di una ripresa statica dell’aula.

“Abbiamo scoperto che è molto più coinvolgente di una normale fotocamera”, afferma Joe Peacock, direttore della tecnologia presso Burgundy Farm, che ha investito nell’attrezzatura per la prima volta quest’estate e ora ha Owls in 11 classi. “Sembra più naturale. È come se fossi seduto in classe e girassi la testa per sentire chi sta parlando. “

“I bambini in classe interagiscono in modo molto naturale con i bambini a casa, e penso che i bambini a casa lo apprezzino”, aggiunge. “Li aiuta a connettersi e a sentirsi più come se fossero lì”. I genitori stanno notando la differenza e lo apprezzano anche loro. Kleine dice che senza questa tecnologia, la scuola virtuale non sarebbe stata sostenibile per la sua seconda elementare.

“Probabilmente, se non avessimo questo, avrei dovuto considerare di farlo tornare in presenza nonostante le nostre preoccupazioni legate al Covid, perché più a lungo tuo figlio sta seduto a fissare uno schermo che mostra una lavagna senza interazione, maggiore diventa l’impatto sociale negativo”, Dice Kleine. “Lo Swivl gli ha dato una capacità 10 volte maggiore di interagire di più con la classe. Si sente come se fosse lì, piuttosto che guardarlo. Riesce a vedere gli altri ragazzi e quello che stanno facendo. “

Affidarsi ai robot durante la pandemia
Ci sono diversi robot di telepresenza sul mercato. Pre-pandemia, erano più comunemente usati nell’istruzione superiore e per la formazione degli insegnanti. Ma i produttori di questi dispositivi affermano che a partire da giugno, le vendite alle scuole primarie e secondarie sono salite alle stelle. Kristin Celano, portavoce di Owl Labs, afferma che la società ha registrato un aumento del 13.000% nell’utilizzo del suo dispositivo da parte dei clienti dell’istruzione K-12 dall’inizio della pandemia. Un altro produttore, Xandex, afferma che ci sono stati mesi post-coronavirus in cui le vendite del suo Kubi sono aumentate del 100% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso e, in media, ha visto una crescita di oltre il 50% a causa della pandemia.

Kristin Silva, la preside della St. Rose School, dove Zach frequenta, era tra gli educatori alla ricerca di qualcosa di nuovo per affrontare le preoccupazioni dei genitori dopo una primavera di apprendimento a distanza.

“Dovevamo trovare una soluzione”, dice. “Abbiamo avuto un feedback dopo la primavera su ciò che funzionava e non funzionava e, in modo schiacciante, i genitori hanno detto: ‘I nostri figli non hanno alcun impegno. Abbiamo bisogno di più interazione “. Così la sua scuola ha acquistato un robot Swivl per ciascuna delle aule K-8, oltre a musica ed educazione fisica. “È il ponte tra i ragazzi che vogliono essere a scuola e quelli che vogliono essere a casa”, dice Silva.

Diverse scuole in tutto il paese stanno provando per la prima volta la tecnologia robotica, inclusa la Sheridan School in DC; Oakwood School di Annandale, e Stone Ridge School of the Sacred Heart a Bethesda; Md. Stone Ridge School ha investito in 80 Owls per quest’anno scolastico, in modo che gli studenti di tutte le classi – K-12 – potessero utilizzare la tecnologia. “Ci preoccupiamo che i bambini a casa si sentano isolati”, afferma Connie Shaffer Mitchell, direttore marketing e comunicazioni di Stone Ridge. “Il gufo li aiuta a sentirsi parte di una comunità, e questo è qualcosa di cui ogni scuola indipendente è orgogliosa.”

Ci sono sfide tecnologiche: i dispositivi a volte non funzionano correttamente o devono essere riavviati. Un ostacolo maggiore per il loro uso diffuso è probabilmente il loro costo. I dispositivi partono da circa $ 600 ciascuno e salgono a migliaia, quindi sono più comunemente utilizzati nelle scuole private, ma ora anche alcuni distretti scolastici pubblici li stanno utilizzando. La contea di Chester in Pennsylvania utilizza i dispositivi Kubi e Double da poco più di tre anni e quest’anno ha iniziato a utilizzare Owls e Swivls.

River Forest Public School District 90 in Illinois non utilizzava questi robot prima della pandemia, ma ora ha 110 Swivls in uso in tre scuole e in 40 spazi didattici, principalmente scuole medie.

Come funzionano
I robot si muovono in diversi modi. Alcuni sono dotati di dispositivi di localizzazione che gli insegnanti indossano al collo o lasciano in alcune parti dell’aula, in modo che il robot sappia in quale direzione puntare la telecamera. Altri seguono i suoni nella stanza. E il Kubi è controllato dagli studenti a casa tramite un widget scaricato su un dispositivo come un iPad o un laptop. Questo è ciò che Pari Nanavaty, una studentessa della Nansemond-Suffolk Academy nel Suffolk, Virginia, usa ora per una delle sue classi.

“Ho la possibilità di regolare la mia visuale in modo da poter vedere il tabellone e cosa sta succedendo molto meglio”, dice. “Non devo chiedere alla gente cosa sta succedendo; Sposto solo la telecamera. Adesso mi sento più coinvolta. “

Pari è l’unica studentessa che usa il Kubi nella sua classe; il produttore afferma che è l’ideale per evitare una battaglia per il controllo del dispositivo, ma afferma che con la pianificazione il dispositivo può essere condiviso tra gli studenti e funziona bene anche se condiviso tra classi che frequentano le lezioni in giorni diversi.

Per quanto strano possa sembrare, i genitori dicono che, nel tempo, hanno scoperto che i robot stanno anche diminuendo i sentimenti di isolamento e lontananza che provano i loro figli. “È più coinvolgente. Ne è stato entusiasta. Lo rende felice “, dice Engel di suo figlio Thomas. “L’insegnante a volte lo lascia rimanere durante le pause per parlare con gli amici. Non è come essere lì, ma è decisamente molto meglio di una normale fotocamera”.

Kleine è d’accordo. “Ci sono nuovi ragazzi in classe, e se non fosse sulla Swivl, Zach non saprebbe nemmeno chi sono. Ora può vedere tutti e tutte le parti della classe e quindi, farne parte “.

Rajiv Nanavaty, il padre di Pari, aggiunge: “Per genitori come me e mia moglie, che sentono fortemente che il virtuale è la strada da percorrere, questo è un ottimo modo per introdurre noi nella nuova tecnologia e mantenere gli studenti coinvolti. Tutto ciò che semplifica le cose per gli studenti è fantastico. Penso che prima ci occuperemo di questo a lungo termine integrando la tecnologia, più aiuteremo gli studenti e proteggeremo il resto della comunità “.

I genitori delle scuole che utilizzano i robot dicono di essere grati per questa nuova tecnologia e credono che i robot stiano anche insegnando agli studenti preziose lezioni sulla resilienza.

“C’è una lezione più ampia che viene insegnata qui sull’adattamento e sul tentativo di approcciarsi a cose nuove quando il gioco si fa duro”, dice Nanavaty.

- Advertisement -spot_img

Talk For

F&NEWS