lunedì, 20 Settembre 2021

I paesi dell’UE devono diversificare urgentemente i fornitori di 5G, afferma la Commissione

Da non perdere

Articolo di The New York Times

Traduzione di Flavia Stefanelli

I paesi dell’UE devono agire con urgenza per diversificare i propri fornitori di 5G, ha affermato venerdì la Commissione europea, una mossa che ridurrà la presenza di Huawei in Europa mentre gli Stati Uniti fanno pressioni sul blocco per seguire la Gran Bretagna e vietare alla società cinese le reti 5G. Nel novembre dello scorso anno, l’Unione Europea ha deciso di adottare una linea dura con i fornitori di 5G per ridurre i rischi di cibersicurezza per le reti mobili di prossima generazione, viste come la chiave per stimolare la crescita economica e la competitività.

La strategia includeva la riduzione della dipendenza dei paesi e degli operatori di telecomunicazioni da un unico fornitore. Il produttore n ° 1 mondiale di apparecchiature per telecomunicazioni Huawei compete con il finlandese Nokia e la svedese Ericsson. Sebbene siano stati compiuti alcuni progressi, è necessario fare molto lavoro, ha affermato la Commissione. “Sono urgentemente necessari progressi per mitigare il rischio di dipendenza da fornitori ad alto rischio, anche al fine di ridurre le dipendenze a livello (europeo) dell’Unione”, ha affermato l’esecutivo dell’UE, riferendo sui progressi compiuti dai 27 paesi dell’UE. “Sono state individuate sfide nella progettazione e nell’imposizione di appropriate strategie multi-vendor per singoli MNO (operatori di reti mobili) o a livello nazionale a causa di difficoltà tecniche o operative”, ha affermato, citando la mancanza di interoperabilità o le dimensioni del paese come alcuni dei problemi. Oltre alla Gran Bretagna, la Francia sta anche adottando un divieto di fatto su Huawei, hanno detto fonti a Reuters all’inizio di questa settimana. Gli Stati Uniti affermano che le tecnologie dell’azienda di Shenzen potrebbero essere utilizzati dalla Cina per spiare, un’accusa respinta da Huawei.

Funzionari dell’UE hanno affermato che l’eliminazione graduale dei fornitori ad alto rischio e i costi aggiuntivi non derideranno il lancio del 5G in tutto il blocco e che Ericsson e Nokia saranno in grado di far fronte alla domanda. “Se guardi alla situazione in tutto il mondo, Nokia ed Ericsson hanno una grande parte del mercato mondiale in termini di contratti firmati in tutto il mondo per lo sviluppo del 5G. I due combinati hanno certamente più del 50% al 60%, 65%. Penso che due fornitori europei possono coprire il necessario, non solo per l’Europa ma anche per gran parte del mondo “, ha affermato uno dei funzionari. La Commissione ha inoltre esortato 13 paesi dell’UE ad adottare senza indugio il meccanismo di screening degli investimenti diretti esteri, uno strumento che consente ai governi dell’UE di intervenire in caso di investimenti esteri diretti in attività strategiche, in particolare se sono coinvolte imprese controllate dallo Stato o finanziate dallo Stato.

- Advertisement -spot_img

Talk For

F&NEWS