domenica, 27 Novembre 2022

I brevetti di Facebook rivelano come intende incassare con il metaverso

Da non perdere

Meta spera di usare piccole espressioni umane per creare un mondo virtuale di annunci personalizzati

Movimenti della pupilla, posizioni del corpo e arricciamento del naso sono tra i guizzi di espressione umana che Meta vuole raccogliere nella costruzione del suo metaverso, secondo un’analisi di decine di brevetti recentemente concessi alla società madre di Facebook.

L’amministratore delegato Mark Zuckerberg si è impegnato a spendere 10 miliardi di dollari all’anno nel prossimo decennio nel concetto nebuloso e molto pubblicizzato che denota un mondo virtuale coinvolgente e pieno di avatar. Rivali come Apple e Microsoft stanno anche perseguendo obiettivi simili che i dirigenti di Big Tech descrivono come parte della prossima evoluzione di internet.

Il Financial Times ha esaminato centinaia di domande all’ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti, molte delle quali sono state concesse questo mese. Essi rivelano che Meta ha brevettato più tecnologie che gestiscono i dati biometrici degli utenti per aiutare ad alimentare ciò che l’utente vede e garantire che i loro avatar digitali siano animati in modo realistico.

Ma i brevetti indicano anche come il gruppo della Silicon Valley intende incassare sul suo mondo virtuale, con pubblicità iper-targettizzata e contenuti sponsorizzati che rispecchiano il suo attuale modello di business da 85 miliardi di dollari all’anno basato sulla pubblicità.

Questo include proposte per un “negozio virtuale” dove gli utenti possono acquistare beni digitali, o oggetti che corrispondono a beni del mondo reale che sono stati sponsorizzati dai marchi.

«Per noi, il modello di business nel metaverso è guidato dal commercio», ha detto Nick Clegg, capo degli affari globali di Meta al FT durante una recente intervista. «Chiaramente gli annunci giocano un ruolo in questo». 

I brevetti non significano che Meta svilupperà certamente la tecnologia, ma offrono l’indicazione più chiara ancora di come l’azienda mira a rendere il suo mondo immersivo in una realtà.

Alcuni dei brevetti riguardano la tecnologia di tracciamento degli occhi e del viso, tipicamente raccolti in un auricolare tramite minuscole telecamere o sensori, che possono essere utilizzati per migliorare l’esperienza di realtà virtuale o aumentata di un utente. Per esempio, ad una persona verrà mostrata una grafica più luminosa dove cade il suo sguardo, o assicurando che il suo avatar rispecchi quello che sta facendo nella vita reale.

Un brevetto Meta, rilasciato il 4 gennaio, descrive un sistema per il monitoraggio delle espressioni facciali di un utente attraverso un auricolare che poi “adatta il contenuto dei media” in base a queste risposte.

C’è un “sistema di sensori magnetici indossabili” da posizionare intorno al torso per il “tracciamento della posa del corpo”. Il brevetto include schizzi di un utente che indossa il dispositivo ma che appare nella realtà virtuale come un soldato completo di spada e armatura.

Un altro brevetto propone un “motore di personalizzazione degli avatar” che può creare avatar tridimensionali basati sulle foto di un utente, utilizzando strumenti tra cui un cosiddetto “replicatore di pelle”.

«Meta mira ad essere in grado di simulare l’utente fino ad ogni poro della pelle, ogni ciocca di capelli, ogni micromovimento», ha detto Noelle Martin, una riformatrice legale che ha trascorso più di un anno a ricercare le ambizioni di monitoraggio umano di Meta con la University of Western Australia.

«L’obiettivo è quello di creare repliche 3D di persone, luoghi e cose, così iper-realistiche e tattili da essere indistinguibili da ciò che è reale, e poi di intermediare qualsiasi gamma di servizi… in verità, stanno intraprendendo un programma globale di clonazione umana». 

Il progetto ha permesso all’azienda, che negli ultimi tempi è stata colpita da altri scandali sulla moderazione e la privacy, di attrarre ingegneri da rivali come Microsoft in una feroce battaglia per il talento tra le più grandi aziende tecnologiche del mondo.

Da quando ha cambiato il suo nome da Facebook a Meta alla fine di ottobre in un rebranding aziendale, il prezzo delle azioni della società è salito di circa il 5 per cento a 329,21 dollari.

I critici rimangono scettici sulla visione, suggerendo che lo sforzo è una distrazione dal recente scrutinio dopo che il whistleblower Frances Haugen l’anno scorso ha pubblicamente accusato la società di dare priorità all’odio rispetto al profitto.

«Cosa faranno con più dati e come si assicureranno che siano sicuri?» ha detto Celia Hodent, ex direttore della user experience di Epic Games che ora lavora come consulente indipendente.

Alcuni brevetti sembrano focalizzati ad aiutare Meta con le sue ambizioni di trovare nuove fonti di reddito in mezzo alla preoccupazione per l’affievolirsi dell’interesse degli utenti più giovani nei suoi prodotti principali di social networking come Facebook.

Zuckerberg ha dichiarato che l’azienda ha intenzione di mantenere bassi i prezzi dei suoi auricolari e di trarre, invece, ricavi nel suo metaverso dalla pubblicità, e sostenendo le vendite di beni e servizi digitali nel suo mondo virtuale.

Un brevetto esplora la possibilità di presentare agli utenti pubblicità personalizzata nella realtà aumentata, basata su età, se*so, interessi e “come gli utenti interagiscono con una piattaforma di social media”, compresi i loro like e commenti.

Un altro cerca di consentire a terzi di “sponsorizzare l’aspetto di un oggetto” in un negozio virtuale che rispecchia il layout di un negozio al dettaglio, attraverso un processo di offerta simile al processo di asta pubblicitaria esistente della società.

I brevetti indicano come Meta potrebbe offrire annunci nel suo mondo immersivo che sono ancora più personalizzati di quello che è possibile all’interno dei suoi attuali prodotti basati sul web.

La ricerca mostra che la direzione dello sguardo e l’attività della pupilla possono implicitamente contenere informazioni sugli interessi e lo stato emotivo di un utente, per esempio, se gli occhi di un utente si soffermano su un’immagine, questo può indicare che gli piace.

«Chiaramente, si potrebbe fare qualcosa di simile [agli attuali sistemi di targeting degli annunci] nel metaverso – dove non si vendono dati di eye-tracking agli inserzionisti, ma al fine di capire se le persone si impegnano con una pubblicità o meno, è necessario essere in grado di utilizzare i dati per sapere», ha detto Clegg.

Brittan Heller, un avvocato di tecnologia presso Foley Hoag, ha detto: «Il mio scenario da incubo è che la pubblicità mirata basata sulle nostre reazioni biologiche involontarie agli stimoli inizierà a comparire nel metaverso… la maggior parte delle persone non si rende conto di quanto prezioso potrebbe essere. In questo momento non ci sono vincoli legali su questo». 

Ha detto Meta: «Mentre non commentiamo la copertura specifica dei nostri brevetti o le nostre ragioni per il loro deposito, è importante notare che i nostri brevetti non coprono necessariamente la tecnologia utilizzata nei nostri prodotti e servizi».

Articolo a cura di Hannah Murphy, Financial Times
Traduzione a cura di Luigi Santoro

- Advertisement -spot_img

Talk For

F&NEWS