lunedì, 15 Agosto 2022

Dagli USA più divieti di esportazione nei confronti della Cina

Da non perdere

L’amministrazione Biden sta applicando le lezioni apprese dai controlli sulla Russia durante la guerra in Ucraina per cercare di limitare i progressi militari e tecnologici della Cina.

Quando le forze russe invasero l’Ucraina, quasi cinque mesi fa, l’amministrazione Biden guidò decine di governi nel vietare l’esportazione di tecnologia avanzata alla Russia per ostacolarne lo sviluppo economico e militare.

Ora, il governo statunitense sta usando le lezioni apprese da quelle azioni per espandere le restrizioni alle esportazioni verso la Cina e altri Paesi nei casi in cui le aziende o i gruppi potrebbero minacciare la sicurezza nazionale degli Stati Uniti o violare i diritti umani, secondo quanto affermano attuali ed ex funzionari americani. Il Presidente Biden e i suoi collaboratori definiscono la Cina il più grande rivale a lungo termine degli Stati Uniti, superando la Russia.

Lo sforzo prevede l’ampliamento delle circostanze in cui verrebbero imposti i cosiddetti controlli sulle esportazioni e il coinvolgimento delle nazioni partner. L’obiettivo è anche quello di ridefinire le tecnologie considerate sensibili o critiche e potenzialmente utili per le forze armate e le agenzie di sicurezza, includendo ad esempio l’intelligenza artificiale.

Nel tentativo di sviluppare una strategia nei confronti della Cina, i funzionari statunitensi non si limitano a considerare gli usi militari tradizionali delle tecnologie, ma prendono in considerazione anche il ruolo delle aziende cinesi riguardo alla creazione di uno stato di sorveglianza, alla costruzione di infrastrutture di sicurezza e all’utilizzo di campi di lavoro forzato per reprimere le minoranze etniche in regioni come lo Xinjiang e il Tibet.

Poiché la Cina è diventata più aggressiva, più bellicosa e più attiva nel suo settore tecnologico, è aumentata l’importanza di gestire le relazioni con il Paese attraverso i controlli sulle esportazioni”, ha dichiarato il mese scorso Alan F. Estevez, capo del Bureau of Industry and Security, l’unità del Dipartimento del Commercio che sovrintende ai controlli sulle esportazioni, durante un evento organizzato dal Center for a New American Security. “Dobbiamo fare in modo che gli Stati Uniti mantengano un vantaggio tecnologico”, ha detto. “In altre parole, la Cina non può costruire capacità che poi userà contro di noi, o contro i suoi vicini, in qualsiasi tipo di conflitto”.

I funzionari americani affermano che l’uso dei controlli sulle esportazioni in Russia è forse il più grande successo ottenuto finora nella vasta campagna di punizione economica contro il presidente Vladimir Putin e il suo esercito. Gli Stati Uniti e i loro partner hanno imposto ampie restrizioni all’invio di semiconduttori, parti di aerei, attrezzature per l’industria petrolifera e del gas e altri beni alla Russia, nel tentativo di paralizzare l’esercito russo e le sue industrie strategiche.

Nei confronti della Cina, gli sforzi sono stati più mirati. I funzionari affermano che il loro obiettivo non è quello di indebolire l’economia cinese in generale, ma piuttosto di limitare l’accesso della Cina alle tecnologie che contribuirebbero al suo progresso militare e scientifico. Secondo i funzionari statunitensi, questo potrebbe di per sé contribuire a prevenire un conflitto armato.

Il mio obiettivo è impedire alla Cina di utilizzare questa tecnologia per far progredire le proprie forze armate e modernizzarle”, ha dichiarato Estevez, ex funzionario del Pentagono, in occasione di una conferenza politica del Dipartimento del Commercio a Washington, riferendosi a chip semiconduttori avanzati, intelligenza artificiale e calcolo quantistico.

Ma la Cina è la seconda economia mondiale e qualsiasi restrizione commerciale nei suoi confronti comporterebbe rischi molto maggiori di quelli imposti alla Russia. I dirigenti americani avvertono che ampi controlli sulle esportazioni potrebbero turbare profondamente il commercio globale e indurre la Cina a imporre le proprie restrizioni su alcuni dei prodotti cruciali che fornisce agli Stati Uniti e ad altri Paesi, tra cui alcuni minerali.

Inoltre, un uso diffuso dei controlli potrebbe erodere la leadership tecnologica e il dominio del mercato americano nel lungo periodo, incoraggiando i clienti stranieri a trovare altre fonti di approvvigionamento.

Gina Raimondo, ministra del Commercio, ha dichiarato alla conferenza politica che i controlli sulle esportazioni “sono il modo migliore per proteggere le nostre democrazie”. Ha sottolineato l’impatto dei controlli sulla Russia, affermando che le esportazioni globali di semiconduttori verso il Paese sono diminuite del 90% e che la sua flotta di aerei commerciali potrebbe essere presto decimata. “Sappiamo anche che un altro regime autocratico – la Cina – sta osservando attentamente la nostra risposta”, ha aggiunto.

L’amministrazione Biden ha inserito cinque aziende cinesi in una lista nera di esportazioni per aver continuato a sostenere il settore militare-industriale russo. È stata la prima volta che il governo degli Stati Uniti ha intrapreso azioni contro le aziende cinesi per aver aiutato la Russia dall’inizio della guerra in Ucraina a febbraio, anche se i funzionari americani affermano che il governo cinese e la maggior parte delle aziende sembrano rispettare le sanzioni guidate dagli USA.

Anche prima di queste azioni, l’amministrazione Biden aveva raddoppiato la politica dell’amministrazione Trump di brandire i controlli sulle esportazioni come una clava contro le aziende cinesi.

Nel 2018, il Congresso ha approvato una legge che richiede al Dipartimento del Commercio di espandere i controlli sulle tecnologie americane sensibili che circolano all’estero.

Sebbene alcuni legislatori sostengano che il governo si sia mosso con eccessiva lentezza, il dipartimento, sia sotto l’amministrazione Trump che sotto quella Biden, ha utilizzato in modo aggressivo uno strumento più mirato, chiamato lista delle entità, che esclude le aziende e le organizzazioni straniere dalla tecnologia statunitense a meno che i loro fornitori americani non ottengano una licenza per vendere loro beni. L’amministrazione Trump ha inserito in questa lista Huawei e SMIC, due importanti aziende tecnologiche cinesi.

Prima dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, il Dipartimento del Commercio, sotto la guida di Biden, stava aggiungendo alla lista aziende e organizzazioni con sede in Cina a un ritmo molto più veloce rispetto a quelle di qualsiasi altro Paese. Su 475 entità straniere aggiunte dal gennaio 2021, 107 hanno sede in Cina, secondo un nuovo conteggio dei dati che l’agenzia ha fornito al New York Times. Per contro, l’amministrazione ha inserito nella lista 23 entità con sede in Russia prima della guerra – poi ne ha aggiunte rapidamente 252, oltre a imporre restrizioni più ampie su intere categorie di beni tecnologici.

L’amministrazione ha inserito nella lista nera anche aziende con sede in Pakistan, Bielorussia, Myanmar, Emirati Arabi Uniti, Singapore e Gran Bretagna, ma si tratta di numeri molto inferiori.

La maggior parte delle entità con sede in Cina elencate durante l’amministrazione Biden sono state giudicate da funzionari statunitensi con ruoli militari o coinvolte in violazioni sistemiche dei diritti umani. Alcune hanno legami sospetti con l’Iran, la Corea del Nord e il Pakistan, Paesi con programmi nucleari che gli Stati Uniti stanno cercando di limitare, dicono i funzionari statunitensi. Alcuni sono legati ad azioni aggressive nel territorio conteso del Mar Cinese Meridionale.

Gli Stati Uniti hanno anche esteso la portata delle loro restrizioni alle esportazioni ben oltre i confini americani. Hanno vietato alle aziende di tutto il mondo di esportare determinati prodotti se realizzati con tecnologia americana ad alcune entità elencate, tra cui gruppi militari russi e Huawei, la società di telecomunicazioni cinese. Gli Stati Uniti possono anche limitare le esportazioni verso le entità elencate di beni stranieri che contengono determinate quantità di prodotti americani.

Uno degli insegnamenti che si possono trarre dall’uso di questo strumento con Huawei è che può essere un meccanismo piuttosto potente”, ha dichiarato Samm Sacks, ricercatore sulla politica tecnologica presso la Yale Law School e New America. “Cattura molti fornitori di Paesi terzi”.

Alcuni legislatori americani affermano che ulteriori restrizioni tecnologiche sarebbero un potente strumento da brandire contro Pechino e che le minacce di ampliare tali controlli potrebbero aiutare a scoraggiare potenziali ostilità da parte dei leader cinesi nei confronti di Taiwan. Ma alcuni analisti mettono in guardia da possibili ritorsioni da parte della Cina.

Mentre gli Stati Uniti continuano a sfruttare la portata extraterritoriale dei loro regolamenti, la crescente minaccia di una ‘corsa agli armamenti’ normativi, in particolare con la Cina, si aggiunge a un ambiente commerciale già nervoso”, ha scritto a marzo Jeanette Chu, senior associate del Center for Strategic and International Studies. “La natura ‘tit for tat’ dei controlli sulle esportazioni e delle sanzioni rischia oggi di minarne l’efficacia e di lasciare ai politici opzioni limitate”, ha aggiunto.

Sebbene il governo cinese denunci l’uso delle sanzioni da parte di Washington, ha sempre più utilizzato la propria forma di punizione economica per danneggiare i Paesi che assumono posizioni contrarie alle idee politiche di Pechino. Tra i bersagli recenti figurano Australia, Giappone, Corea del Sud e Norvegia. Quando l’anno scorso la Lituania ha permesso a Taiwan di aprire un ufficio di rappresentanza nella sua capitale, la Cina ha tagliato le esportazioni e le importazioni verso la Lituania.

Nel giugno 2021, Pechino ha promulgato la “Legge sulle sanzioni anti-straniere”, volta a punire le aziende e gli individui che rispettano le sanzioni straniere contro la Cina. Inoltre, il governo cinese dispone di una legge sul controllo delle esportazioni che potrebbe utilizzare in modo ampio.

La Cina rimane indietro rispetto agli Stati Uniti in molti settori tecnologici, ma sta recuperando rapidamente. In alcuni settori – biotecnologia, intelligenza artificiale e comunicazioni 5G, ad esempio – la Cina è all’avanguardia o quasi. Ed è destinata a superare gli Stati Uniti nella spesa nazionale per la ricerca e lo sviluppo entro i prossimi anni.

L’innovazione scientifica e tecnologica è diventata il principale campo di battaglia della strategia internazionale e la competizione per il comando della scienza e della tecnologia è senza precedenti”, ha dichiarato il presidente cinese Xi Jinping in un discorso del maggio 2021.

I funzionari dell’amministrazione Biden affermano che i controlli sulle esportazioni imposti alla Russia dimostrano che la forza delle azioni americane deriva dal coordinamento con le nazioni partner.

In occasione del vertice sulla democrazia organizzato da Biden nel dicembre 2021, gli Stati Uniti, l’Australia, la Danimarca e la Norvegia hanno annunciato che avrebbero iniziato a costruire un nuovo programma di controllo delle esportazioni per limitare le tecnologie destinate a governi autoritari impegnati in violazioni dei diritti umani. Gli Stati Uniti hanno portato avanti altre discussioni nell’ambito del dialogo commerciale e tecnologico con l’Unione Europea.

Il regime di esportazione globale più importante attualmente, l’intesa di Wassenaar, ha lo scopo di controllare le vendite di tecnologia che può essere utilizzata sia per scopi militari che commerciali, ma i critici affermano che presenta degli inconvenienti, tra cui il fatto che la Russia ne sia membro.

Qualsiasi nuovo sistema multilaterale per il controllo delle esportazioni deve essere realizzato con i partner, in modo che molti paesi impongano gli stessi limiti, ha detto Estevez il mese scorso. “Come tutti sanno, se si argina metà del fiume, l’acqua continua a scorrere”, ha aggiunto.

Ma Martin Chorzempa, senior fellow del Peterson Institute for International Economics, ha avvertito che molte nazioni che hanno profondi legami commerciali con la Cina potrebbero resistere agli sforzi per imporre ampi controlli sulle esportazioni del Paese. “Non credo che ci sarebbe il livello di unanimità che le sanzioni alla Russia avrebbero; quindi, si rischierebbe di dividere la coalizione”, ha detto.

La possibilità di ulteriori restrizioni alla Cina sta già causando qualche preoccupazione tra i dirigenti d’azienda americani.

Myron Brilliant, vicepresidente esecutivo della Camera di Commercio degli Stati Uniti, ha dichiarato che la comunità imprenditoriale è stata “ferma nel sostenere l’uso multilaterale delle sanzioni contro la Russia, vista l’invasione brutale e non provocata dell’Ucraina”, ma che le opinioni sulla Cina sono “più complesse e sfumate”. “La comunità imprenditoriale è profondamente preoccupata per le politiche predatorie e di distorsione del mercato della Cina, ma dobbiamo anche riconoscere che le due maggiori economie sono molto integrate”, ha affermato. “Quindi l’impatto di un ampio disaccoppiamento o di sanzioni estese alla Cina sarebbe molto più destabilizzante”.

Traduzione a cura di Manuela Scognamiglio
Articolo a cura di Edward Wong e Ana Swanson, The New York Times

- Advertisement -spot_img

Talk For

F&NEWS