sabato, 27 Novembre 2021

Che cosa ci lascia la COP 26?

Da non perdere

Noel Angrisani
Laureato in Scienza della Politica, ha completato il suo percorso di studi con un master in Relazioni Istituzionali, Lobby e Comunicazione d'Impresa. Per due anni si è occupato di progettazione europea, successivamente ha lavorato presso un'agenzia di eventi corporate e B2B per il No-Profit. Dopo essersi cimentato nel public affairs, oggi lavora come consulente in ambito organizzazione e pianificazione.

La perentorietà e la solennità degli impegni presi al termine di COP 26 è inversamente proporzionale alla concreta capacità di realizzarli. Gli obiettivi fissati (quasi sempre nei racconti definiti “ambiziosi”) per contrastare il cambiamento climatico si trascinano stancamente da oltre trent’anni e con risultati spesso trascurabili. Al netto di vigorose strette di mano, sentiti proclami e firme decisive in calce agli accordi, si fa sempre più fatica a comprendere il senso di questi incontri.

A pochi giorni da un altro appuntamento sul clima, anche questo annunciato come determinante, sembra di leggere, in coda alla COP 26, cronache e pratiche di spin in fotocopia: l’ansia per l’attesa; i negoziatori al lavoro per trovare un accordo ed evitare il “fallimento”; i progressi insufficienti e l’impossibilità di raggiungere il traguardo; la vigilia decisiva e infine l’accordo conclusivo – in cui la fumosità e il cerchiobottismo rappresentano la sintesi più efficace del documento – con grande soddisfazione e sorrisi da parte dei contraenti. Sulla scia del teatro dell’assurdo di Beckett e Ionesco, esistono alcune varianti sul tema come addirittura un’azione congiunta da parte di Cina e Stati Uniti con un piano contro il global warming.

COP 26, tra disillusione e annunci

Senza voler essere accusati di cinismo o disillusione, il mondo non è la proiezione realizzata dei propri desideri – compresi quelli emotivamente coinvolgenti o largamente condivisibili – ma ciò che viene plasmato dalla realtà. Con buona pace di Greta.

Un esempio? Non bisogna necessariamente guardare alla Cina, capro espiatorio di ogni nefandezza ambientale e climatica, ma all’Australia che proprio durante il vertice di Glasgow ha annunciato – tramite il ministro australiano delle risorse Keith Pitt – la volontà di proseguire nello sfruttare le miniere e le centrali a carbone, preservandone l’eccellente qualità, «continueremo ad avere mercati per decenni nel futuro. E se loro stanno comprando… beh, noi stiamo vendendo».

Buone intenzioni e promesse future

Una dichiarazione così netta, da parte di un Paese afferente alla sfera d’influenza atlantica e al centro di numerose triangolazioni geopolitiche, rappresenta quasi una pietra tombale sulle buone intenzioni e promesse future del vertice scozzese. Mentre alcuni player globali provano a preservare la propria integrità economica e sovranità energetica – in tempi di global energy crunch, un dettaglio non trascurabile – continua la disputa sui decimali e gradi centigradi, nonostante da più parti e da diverse angolazioni, gli obiettivi fissati e garantiti (non superare 1,5 gradi l’innalzamento delle temperature) vengano già considerati superati.

I margini d’incertezza restano ampi, così come le divisioni. Il dato che costantemente emerge da questi appuntamenti è la precisione dei target, ma non la strategia o le fasi per raggiungerli. E pur in presenza di piani dettagliati con relativi e copiosi finanziamenti, la sostenibilità è sempre piuttosto dubbia o realisticamente sorpassata dai fatti.  

Da Rio a Glasgow

Sono trascorsi quasi trent’anni dalla prima conferenza sul clima a Rio, una sorta di preparazione alla prima COP, il cui grande merito è stato quello di aver posto le tematiche ambientali ed energetiche al centro dell’agenda globale, senza però prevedere un ripensamento del modello economico.

I risultati ottenuti da questi incontri, spesso irrealistici, obbligano una ristrutturazione di un’architettura ormai fragile, logorata da anni di propaganda da parte di un ecologismo insostenibile, da utopie politiche green e da un multipolarismo ipercompetitivo.

Trent’anni corrispondono all’età della piena maturità e di una (supposta) acquisita consapevolezza, ma nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva oscura, ché la diritta via era smarrita…

- Advertisement -spot_img

Talk For

F&NEWS