martedì, 31 Gennaio 2023

Biden nomina John Kerry inviato presidenziale per il clima

Da non perdere

Articolo di Brady Dennis Steven, Mufson e Juliet Eilperin The Washington Post

Traduzione di Flavia Stefanelli

John F. Kerry, ex segretario di stato, senatore e candidato alla presidenza democratica, guiderà il rientro del paese nella politica climatica globale in un nuovo ruolo che eleverà il cambiamento climatico come priorità del presidente eletto Joe Biden.

In qualità di inviato presidenziale per il clima, Kerry riferirà direttamente a Biden come parte del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca, sottolineando come l’amministrazione entrante veda il riscaldamento globale come un problema con implicazioni sia per la difesa nazionale che per la politica estera.

Kerry “combatterà il cambiamento climatico a tempo pieno come inviato speciale presidenziale per il clima”, secondo una dichiarazione lunedì del team di transizione di Biden. “È la prima volta che il NSC includerà un funzionario dedicato al cambiamento climatico, che riflette l’impegno del presidente eletto ad affrontare il cambiamento climatico come una questione urgente di sicurezza nazionale”, afferma il comunicato.

Kerry, che ha svolto un ruolo chiave nella negoziazione dell’accordo sul clima di Parigi del 2015 in qualità di segretario di stato durante il secondo mandato del presidente Barack Obama, sarà a disposizione per vedere gli Stati Uniti rientrare nell’accordo globale sotto Biden. Il presidente Trump, che è stato scettico sul cambiamento climatico, ha ritirato gli Stati Uniti dall’accordo internazionale, rendendoli l’unica nazione su quasi 200 firmatari ad abbandonare un accordo che chiede ai paesi di ridurre collettivamente le emissioni di gas serra.

Kerry, un alleato di lunga data di Biden che compirà 77 anni il mese prossimo, lunedì ha twittato che intende utilizzare il suo nuovo post per affrontare il problema ambientale più urgente del mondo.

Il lavoro che abbiamo iniziato con l’accordo di Parigi è lungi dall’essere concluso”, ha affermato. “Torno al governo per riportare l’America sulla buona strada per affrontare la sfida più grande di questa generazione e di quelle che seguiranno. La crisi climatica richiede niente di meno che tutte le mani sul ponte“.

Kerry ha continuato a lavorare su questioni legate al clima dalla fine dell’amministrazione Obama.

L’anno scorso, Kerry ha lanciato World War Zero, una coalizione di scienziati, celebrità, leader mondiali e altri attivisti per spingere verso un’azione per il clima più aggressiva in tutto il mondo. Il gruppo descrive la sua missione come “unire improbabili alleati con una missione comune: rispondere subito alla crisi climatica”.

All’inizio di quest’anno, Kerry ha co-presieduto una task force sul clima con la deputata Alexandria Ocasio-Cortez (DN.Y.) istituita dalla campagna Biden per formulare raccomandazioni politiche e coinvolgere i sostenitori del senatore Bernie Sanders, dopo che Biden si è assicurato la nomination democratica.

Catherine Coleman Flowers, un’attivista ambientale a Montgomery, Alabama, e un surrogato di Sanders, ha detto che Kerry ha aiutato ad appianare i disaccordi sull’energia nucleare e altre questioni durante gli incontri Zoom.

“Era piuttosto un diplomatico in termini di cercare di assicurarsi che tutte le parti fossero rappresentate e che potessimo raggiungere compromessi con cui tutti potevamo convivere”, ha detto. “Aveva una buona comprensione della crisi climatica”.

Jason Bordoff, fondatore del centro energetico globale della Columbia University e che è stato direttore senior per l’energia e il clima al Consiglio di sicurezza nazionale sotto Obama, ha detto che Biden “non ha svelato il suo team per il clima oggi; ha svelato la sua squadra di sicurezza nazionale e vi ha inserito il suo inviato per il clima“.

La nomina di qualcuno della statura di Kerry e l’inserimento di quel ruolo nel Consiglio di sicurezza nazionale “segnala la comprensione di Biden che il cambiamento climatico è una questione critica di politica estera per gli Stati Uniti“, ha detto Bordoff.

Come Joe Biden è diventato più green

Oltre a nominare Kerry, secondo due persone informate sui piani della transizione – che hanno parlato a condizione di anonimato – per discutere di deliberazioni private, il presidente eletto prevede di nominare un funzionario di alto livello della Casa Bianca per coordinare l’azione interna sul clima in tutto il governo federale. Questo funzionario si concentrerà su come massimizzare l’autorità esecutiva di Biden, cercando anche opportunità legislative, hanno detto. Il sindaco di Los Angeles Eric Garcetti è allo studio, ma il team sta anche esaminando i membri attuali del Congresso e altri per il lavoro, secondo uno di questi individui.

Biden si è impegnato a tessere l’azione per il clima in tutto il governo federale, rendendola una considerazione politica al di là delle tipiche agenzie ambientali in dipartimenti come il Tesoro e l’Agricoltura.

Kerry ha trascorso gran parte della sua carriera lavorando per scongiurare il catastrofico riscaldamento globale. Ha rappresentato gli Stati Uniti in ogni importante conferenza internazionale sul clima negli ultimi tre decenni, compreso il vertice di Rio del 1992 che ha lanciato il quadro per ogni successivo accordo globale; quello di Kyoto che ha forgiato il primo trattato internazionale sul clima nel 1997; e la riunione del 2009 a Copenaghen. Anche in anni meno critici, Kerry si è recato in luoghi che vanno dalla Polonia a Bali per convincere i suoi omologhi internazionali che gli Stati Uniti erano impegnati a ridurre le emissioni di gas serra anche se l’attuale inquilino della Casa Bianca non lo era.

Nel 2010, Kerry e Sens. Joseph I. Lieberman e Lindsey O. Graham hanno cercato senza successo di rattoppare una legge sul clima un anno dopo che la Camera ha approvato una legge che limiterebbe l’inquinamento da carbonio a livello nazionale ma consentirebbe alle industrie di acquistare e vendere crediti di emissioni.

Ma un decennio di temperature globali in aumento e incendi e tempeste più frequenti hanno reso il cambiamento climatico più imperativo che mai. Almeno il 10 percento del pianeta ha già visto le temperature medie aumentare di oltre 1,5 gradi Celsius, rispetto ai livelli preindustriali. Questa è la soglia oltre la quale gli scienziati affermano che l’ambiente subirà danni irreversibili in modi che minacciano tutta la vita sulla Terra, compresi gli esseri umani.

Lo stesso Kerry ha parlato della necessità di agire con decisione mentre le nazioni lavoravano per finalizzare l’accordo di Parigi alla fine del 2015.

La scienza ci ha avvertito per decenni, urlando contro di noi”. “E sappiamo anche che se continuiamo lungo la strada attuale con troppe persone sedute sulle loro mani, in attesa che qualcun altro si assuma la responsabilità, indovina un po’? Il danno aumenterà in modo esponenziale“.

Quindi, per andare al sodo, a meno che la comunità globale non compia ora passi coraggiosi per cambiare un’economia ad alto contenuto di carbonio, affronteremo danni impensabili al nostro habitat, alle nostre infrastrutture, alla nostra produzione alimentare, alle nostre riserve la vita stessa“, ha detto.

Il nuovo ruolo di Kerry lunedì ha suscitato rapidi elogi da parte di molti sostenitori del clima stranieri e nazionali, sia per la sua esperienza, ma anche perché il nuovo ruolo consolida il cambiamento climatico come priorità centrale dell’amministrazione entrante.

Questa nomina eleva finalmente il cambiamento climatico al centro della politica di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, a cui appartiene”, ha detto in una e-mail Paul Bledsoe, ex consigliere per il clima alla Casa Bianca di Clinton. “La statura del Segretario Kerry, sia in patria che all’estero, segnala immediatamente che Biden intende inserire il cambiamento climatico tra le massime priorità di politica interna ed estera della sua amministrazione“.

Laurence Tubiana, artefice dell’accordo di Parigi del 2015 e amministratore delegato della European Climate Foundation, ha elogiato il lavoro di Kerry nel contribuire a forgiare l’accordo internazionale.

“Ha combattuto duramente per un accordo equo sia per gli Stati Uniti che per il pianeta”, ha detto Tubiana in una nota. “Capisce la sfida che dobbiamo affrontare.”

Durante la campagna presidenziale, Biden ha creato scalpore sottolineando che la nazione avrebbe dovuto iniziare la transizione dai combustibili fossili. Lunedì, le associazioni di categoria che rappresentano l’industria petrolifera e del gas hanno affermato di non vedere l’ora di lavorare con Kerry, anche se cercavano le proprie soluzioni.

Il presidente dell’American Petroleum Institute Mike Sommers ha affermato che il suo gruppo ha sostenuto “soluzioni guidate dal settore” e “tecnologie innovative”. Martin Durbin, presidente del Global Energy Institute della Camera di Commercio degli Stati Uniti, ha affermato che la Camera ha cercato di “posizionarsi come una forza positiva” attraverso “politiche significative e ottenibili che avrebbero portato avanti le iniziative sul clima”.

Un elemento chiave del nuovo ruolo di Kerry, come ha accennato lunedì, sarà quello di portare al governo federale un rinnovato senso di urgenza sul cambiamento climatico, in parte riflettendo le preoccupazioni dei giovani che si sono mobilitati per un’azione più immediata e tangibile e che ha fatto una campagna per Biden quest’anno.

“Una cosa è chiara: gli interessa davvero fermare il cambiamento climatico”, ha twittato Lunedì Varshini Prakash, un co-fondatore del Sunrise Movement guidato dai giovani che ha servito insieme a Kerry nella task force sul clima all’inizio di quest’anno. “È qualcosa con cui possiamo lavorare. Una mossa incoraggiante da parte del team Biden. “

- Advertisement -spot_img

Talk For

F&NEWS