sabato, 27 Novembre 2021

Pensare il divario digitale a livello locale

Da non perdere

Articolo di Shira Ovide, The New York Times

Traduzione di Flavia Stefanelli

Progetti di internet fai-da-te come questo nel Bronx possono aiutare a portare più americani online.

Un tetto nel Bronx può indicare una via per Internet migliore negli Stati Uniti.

Un lunedì, i lavoratori hanno imbullonato un’antenna Internet – una scatola piatta e di forma rettangolare montata su un palo di metallo – sul lato del tetto di una scuola cattolica nel South Bronx. Trasmette la connessione internet wireless gratuita alle persone che vivono nelle immediate vicinanze. Circa il 38% dei residenti del Bronx non ha Internet da casa, anche più del 29% di tutta la città.

La pandemia ha messo sotto i riflettori il divario pernicioso dell’America tra coloro che possono connettersi online e coloro che non possono perché le linee Internet non raggiungono le loro case o non possono permettersi l’accesso o i computer – o tutto quanto.

Il progetto Bronx, guidato in parte da una start-up di energia pulita chiamata BlocPower e da organizzazioni comunitarie tra cui South Bronx Churches, è tra i tanti che cercano di affrontare questo grande problema pensando in piccolo. L’iniziativa utilizza la tecnologia che crea segnali Internet improvvisati che coprono un’area definita con problemi, burocrazia o costi relativamente ridotti.

Progetti Internet su piccola scala come questo sono tutt’altro che perfetti. Possono scontrarsi con la mancanza di denaro, i problemi tecnologici o fallimenti per coinvolgere i residenti.

Ma le persone con cui ho parlato che stanno spingendo per un accesso online migliore e più equo negli Stati Uniti dicono che le reti Internet su piccola scala, in combinazione con i finanziamenti e le politiche governative più prudenti, fanno parte della soluzione al divario digitale americano. E potremmo vedere più di questi sforzi: i funzionari di New York hanno detto a luglio che avevano in programma di reindirizzare i soldi dei contribuenti dal dipartimento di polizia per aiutare a finanziare più reti Internet comunitarie, in particolare per i residenti in alloggi pubblici.

L’amministratore delegato di BlocPower ha affermato di voler contribuire a dimostrare che non costa necessariamente una fortuna per i funzionari locali, i dirigenti aziendali e i gruppi della comunità espandere l’accesso a Internet nelle grandi città.

Non c’è motivo per cui le persone a New York, Detroit e Chicago non dovrebbero avere accesso a Internet“, ha detto Baird. “Questo è un problema totalmente risolvibile“.

Iniziative come quella nel South Bronx sono essenzialmente, sofisticati progetti Internet fai-da-te. Organizzazioni come BlocPower pagano commissioni per accedere alle linee Internet esistenti di proprietà di compagnie telefoniche o via cavo e le antenne installate su punti alti come i tetti trasmettono i segnali Internet da un punto all’altro.


I ricevitori wireless installati all’interno di residenze o edifici commerciali trasportano i segnali più lontano. In questi tipi di sistemi, tipicamente chiamati Internet mesh, ogni nuova antenna rende le connessioni Internet per tutti più forti e affidabili.
Esistono piccoli provider Internet commerciali che utilizzano questa o tecnologie simili, tra cui Monkeybrains nella Bay Area e Brooklyn Fiber a New York, nonché piccole reti Internet gestite dal governo o dalla comunità, come la rete Internet wireless nella contea di Coshocton, Ohio e The Point in the Bronx.

I progetti su piccola scala non sono una panacea. Alcuni programmi Internet comunali hanno avuto difficoltà e Baird e altri coinvolti nelle reti Internet locali affermano che non possono avere successo a meno che i residenti non abbiano una certa proprietà e autorità su di loro. La rete BlocPower è appena partita ed è troppo presto per dire se prenderà piede.

Non è un problema nuovo, né gli impegni dei politici a fare qualcosa al riguardo. Il presidente Trump e ora il presidente eletto Joe Biden hanno affermato di voler portare il servizio Internet a più americani.

Ma più ho parlato con le persone di questo problema, più credo che la soluzione non sarà una correzione del Big Bang ma piuttosto una varietà di approcci che coinvolgono migliori finanziamenti governativi e politiche meno caotiche a livello federale, oltre che autonomo. Imprese interessate e gruppi di comunità locali o città che gestiscono le proprie reti Internet su misura per le loro esigenze. I nostri colleghi di DealBook hanno un pacchetto di idee per riparare l’America e un suggerimento era di dare a ogni bambino un computer.

Quest’anno mi ha lasciato per lo più arrabbiato per lo stato di Internet in America. Queste conversazioni mi hanno fatto sperare che pensare a livello locale potesse essere parte della risposta.

Insegnare a schermi vuoti è come una “seduta spiritica”
La mia collega Natasha Singer ha scritto un ottimo articolo questa settimana sulle tensioni che gli educatori devono affrontare durante la pandemia riguardo l’insegnamento in classe, a distanza o in combinazione, mentre loro ed i loro studenti cercano anche di stare al sicuro e affrontare le sfide domestiche. È molto.

Natasha ha anche scritto questo messaggio sulle conseguenze indesiderate dell’uso della tecnologia da parte degli studenti che complicano l’apprendimento virtuale:

Uno degli aspetti più demoralizzanti dell’insegnamento durante la pandemia, mi hanno detto gli educatori, è non poter vedere i loro studenti lontani.

Questo perché, nelle scuole che offrono scelte sulla privacy, molti studenti tengono le loro webcam o l’audio disattivati ​​durante le lezioni video dal vivo. Alcuni studenti, infatti, interagiscono con i loro insegnanti solo digitando commenti in una chat collegata al video. Molti educatori dicono che in questo modo, stanno facendo lezioni video dal vivo su schermi vuoti.

“Spesso scherziamo sul fatto che ci sentiamo come se stessimo tenendo sedute spiritiche su base giornaliera”, ha detto Mircea Arsenie, un’insegnante di scienze ambientali in una scuola superiore pubblica di Chicago, “perché siamo seduti lì a dire, ‘C’è qualcuno lì? “

Alcuni studenti disattivano le loro webcam per motivi di privacy: non vogliono che le persone guardino i loro familiari o le loro case. Altri studenti disattivano le webcam per giocare sui loro telefoni o inviare messaggi ai loro amici.

Ma c’è anche un problema più profondo, ha detto Amanda Kaupp, un’insegnante di psicologia in una scuola superiore pubblica a St. Louis. Gli studenti hanno sviluppato abitudini tecnologiche passive dal consumo costante di intrattenimento come i video di YouTube e Netflix.

Ora, con l’apprendimento remoto, le scuole chiedono agli studenti di sviluppare istantaneamente relazioni attive con la tecnologia, ha detto, mentre molti strumenti digitali sono progettati male e gli studenti sono distratti e stressati dalla pandemia. Kaupp ha detto che il 70% degli studenti in una recente lezione dal vivo ha ammesso che in quel momento stavano anche usando i loro telefoni.

“Ho sentito a lungo che l’ossessione per la tecnologia in classe fosse un’ossessione per un falso dio”, ha detto Kaupp, “ancora di più ora”.

- Advertisement -spot_img

Talk For

F&NEWS