O&R DI GIORNATA

BATTE IL PRIMO CUORE ARTIFICIALE MORBIDO E STAMPATO IN 3D

Batte il primo cuore artificiale interamente morbido: realizzato in silicone grazie alla stampante 3D, pesa 390 grammi e riproduce fedelmente forma e dimensioni del cuore umano. Grazie alla sua particolare struttura interna e’ in grado di contrarsi ritmicamente per pompare il sangue, ma ancora non riesce a ‘vivere’ per piu’ di mezz’ora. Lo dimostrano i…

continua a leggere

O&R TRANSLATE

IL FUTURO DEL LAVORO: PUNTARE SULLA FORMAZIONE

Claire Cain Miller è una corrispondente del New York Times che scrive di gender, famiglie e futuro del lavoro. Di quest’ultimo argomento si è occupata in un recente articolo, partendo da un assunto: non sappiamo quanto rapidamente le macchine rimpiazzeranno il lavoro degli uomini ma sappiamo che lo faranno. Avverrà un cambiamento in tutti i…

continua a leggere

NEWS

DATA

Sono un ottimista globale (e impaziente)

Bill Gates, per il quarto anno di seguito l’uomo più ricco del mondo con una fortuna valutata da Forbes in 86 miliardi di dollari, ha portato la ricchezza e la modernità targata Silicon Valley negli aiuti ai più svantaggiati del pianeta. Il lavoro della Bill & Melinda Gates Foundation al Global Fund (un club di generosi donatori internazionali del calibro di Warren Buffet, Elon Musk, Tim Cook, Mark Zuckerberg, ecc. promosso sempre da Gates), è guidato dall’intento di “accelerare l’innovazione a vantaggio dei più poveri”. Chi meglio del fondatore società hi-tech per antonomasia, il patron della Microsoft, può farlo?

LIBRI O&R

Fake news e troll, storytelling e post-verità. Non c’è dibattito sul rapporto fra web, politica e consenso che non tiri in ballo questi concetti.
Ma la discussione nel nostro paese parte spesso da un punto di vista squisitamente politico e finisce per confondere questioni tecniche con pose e posizioni di singoli politici o partiti.
Il maggior merito di Francesco Nicodemo con “Disinformazia. La comunicazione al tempo dei social media” è quello di ribaltare l’approccio italiano a questi temi, definendo in modo compiuto di cosa parliamo quando parliamo di fake news e post-verità, di come lo storytelling – per quanto non più di moda come parola – sia sostanzialmente una tecnica ineludibile per la costruzione di una qualunque posizione politica e di come l’interazione fra utenti e il clickbait siano determinanti per la diffusione delle news, vere o false che siano.

Continua a leggere